venerdì 23 febbraio 2024

Lezioni di inglese

Insegnando, apprendeva qualcosa di sé

Lezioni di inglese
Le tre ore a settimana concordate per riabituarlo alla conversazione diventarono in breve il momento più atteso. Da subito si era sentita circondata e riscaldata da un’estrema attenzione alle inflessioni della sua voce, tanto da provarne un sottile piacere, anche quando lui la fermava dolcemente per riascoltarla in un punto particolarmente delicato. Le sembrava di donare qualcosa di prezioso, ed era lusingata da come ne fosse cosi avido. Alla fine dell’ora, le restava il desiderio di dare di più la volta successiva. E così avveniva, infatti. Lentamente lui cominciava a costruire frasi più articolate, e domande per stimolare le sue risposte. Con soddisfazione, i monologhi diventavano fitte conversazioni, mentre le ore di lezione si prolungavano sempre di più, senza che se ne accorgessero. La seduceva la sete che lo spingeva a farla parlare per ore, intervenendo con maestria nei momenti più intensi, per coglierne tutte le modulazioni della voce e per carpire le più nascoste sottigliezze della lingua. La avvolgeva la sensazione che l’attenzione di lui sapesse esaltarne nuove capacità espressive, disvelandole un’identità in grado di migliorare le sue qualità di insegnante. Si rese conto che quelle sedute erano utili a lui, ma preziose per lei. Corrispondere al suo ruvido ma avido bisogno le apriva una nuova dimensione, in cui far confluire una passione che finora era rimasta algida e distante come quella di una dea, e che invece era fondamentale non solo per l’allievo ma anche per sé stessa. Presto si ritrovò ad accondiscendere, a dispetto dell’ora, al suo desiderio di ascoltarla di nuovo, continuamente, finché non ne fosse pienamente sazio. E a richiedere, in conclusione, di ascoltarlo a sua volta. Serate che la lasciavano soddisfatta, e la portavano a chiedersi chi fosse, in realtà, il maestro. 

12 gennaio 2018

Visualizzazioni: 3733
Commenti
    • 01/03/2018 00:16:20 Utente Anonimo Dice
    • Legame a doppia catena. Od anche come una seduta di psicoterapia.
Inserisci un commento
Commento
Nickname
Voto
Nessuno 1 2 3 4 5
Codice di controllo
Digita il codice di controllo
Digita il codice di controllo


Voto
5
Pagine correlate
  • Allontanarsi per sopravvivere
    Si allontanarono per sopravvivere, perché la certezza quotidiana che la vita dell'altra sarebbe proseguita anche senza la propria sarebbe stata una ferita lacerante
    Pubblicata il:26/12/2017
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Arrampicata sul Campanil Basso
    Un silenzio irreale, rotto solo dal rumore dei rinvii appesi all'imbrago
    Sotto di lui duecento metri di precipizio e un compagno che gli assicurava la vita..
    Pubblicata il:06/10/2014
    Voto
    4
    Commenti
    7
  • Arrampicate interiori
    Raggiungere le vette
    Uno scalatore si riconosce dalle mani...Viene da lontano. Da luoghi per lo piu' inaccessibili all'uomo comune.
    Pubblicata il:20/04/2019
    Voto
    5
    Commenti
    1
  • Brezza
    Cambiamenti...
    Se sarà una brezza...
    Pubblicata il:19/04/2013
    Commenti
    0
  • Camera con vista
    Erano giorni in cui si sentiva stanca e stressata. Nessun malessere. Solo le mille piccole sollecitazioni del quotidiano a cui prestare attenzione e cura. Il lavoro sempre uguale e tiratissimo. La casa da mandare avanti. Una figlia che guardava sbo
    Pubblicata il:13/05/2019
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Custodisco emozioni
    Non colleziono cose. Custodisco emozioni.
    Pubblicata il:26/05/2013
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Di lei sapeva quasi tutto
    Di lei sapeva quasi tutto...
    Pubblicata il:12/05/2015
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Gabbie invisibili
    Coazione a ripetere
    Inconsciamente si negava una vita diversa.
    Pubblicata il:29/10/2016
    Voto
    5
    Commenti
    1
  • Il suo viso
    Il disegno degli zigomi era più nitido. I contorni delle labbra e la piega della bocca verso il basso seducenti.
    Pubblicata il:04/07/2018
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Incontri
    Un marito scelto presto, da ragazza. Anni intensi di condivisione ora si consumavano nei silenzi e nella distanza delle anime, come la fiammella di una candela alla fine. Ogni cosa sembrava allontanarli. L’intensità delle professioni,
    Pubblicata il:18/03/2021
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • La scogliera
    Il cuore in tempesta
    Non dormiva più da ore. Guardò fuori dall'ampia vetrata inglese, dietro la testata del letto di quella casa di legno con gli smalti e la vernice divorati dalla salsedine...
    Pubblicata il:13/01/2018
    Voto
    5
    Commenti
    2
  • Le parole che non ti ho detto
    Nella città ferma per l’epidemia, il rumore di fondo era scomparso. Le orecchie si riabituavano al silenzio, e dai balconi soleggiati si iniziavano a percepire suoni insoliti e distanti. Il pianto di un bambino nel caseggiato di fronte. I latrati d
    Pubblicata il:15/03/2020
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Libri di vetta
    Si erano messi in cammino a metà pomeriggio. L’idea era di arrivare al rifugio in tempo per la cena, andare a dormire presto e verso le sei del mattino iniziare l’avvicinamento alla parete. Il meteo dava bel tempo e non si vedevano rischi ...
    Pubblicata il:01/03/2020
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Linguaggi
    La distanza che la tavola imbandita frapponeva tra loro rifletteva l'oggettiva differenza di età. Ma la fiandra immacolata, i servizi pregiati, il cristallo luminoso dei calici e i candelabri accesi...
    Pubblicata il:30/10/2017
    Commenti
    0
  • Mancanza
    A volte mi manchi così, come mettere un piede nel vuoto.
    Pubblicata il:04/11/2016
    Commenti
    0
  • Maternità
    Risplendono stupori...
    Pubblicata il:19/03/2013
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Notti in Namibia
    L'immensità dell'universo parte da noi
    Più la osservava, e più quell’immensa cicatrice del firmamento gli sembrava una porta d’accesso per l’universo. La mente si spalancava alla luce. Le idee, che nel buio cittadino soffrivano costrette e confuse in spazi angusti, ora si distanziavano...
    Pubblicata il:26/10/2019
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Pensieri nella notte
    Ci sono notti in cui il cuore sprofonda in tunnel silenziosi e bui, dove scorrono torrenti di parole che vorresti raccogliere con le braccia, perché al mattino non ci saranno più, ma sono come l'acqua e non riesci a trattenerle. E sorvoli su un do...
    Pubblicata il:21/04/2017
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Persone che ci fanno sentire la vita
    A volte incontriamo persone in cui ritroviamo la parte più viva di noi stessi...
    Pubblicata il:19/12/2016
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Precipitare
    Lei era andata. Il tempo insieme si tatuava su di lui per sempre...
    Pubblicata il:06/06/2015
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Rientrando a casa
    Giornate così, come quella che stava terminando, lo facevano sentire vivo. Piene di ritmo e di cambiamenti, di cose diverse da fare e persone diverse con cui parlare. Si sentiva libero dalle noiose routine e dai tempi morti della vita in ufficio.
    Pubblicata il:10/04/2017
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Ritrovare la strada
    Voglio proprio vedere se riesci a ritrovare la strada. Senza la mappa dei miei occhi, senza l'aiuto delle mie mani. Dopo che gli uccelli hanno mangiato tutte le parole che ho lasciato sul sentiero
    Pubblicata il:20/09/2018
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • San Valentino
    Oggi è più forte...
    Pubblicata il:14/02/2017
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Sensualità
    Quando immagino la sensualità dell'amore, essa ha la luminosità dei tuoi occhi, la fragranza della tua voce, l'erotismo della piega delle tue labbra. Ha le piccole imperfezioni dei nostri corpi vissuti, proprio per questo ancora più belli e natu
    Pubblicata il:04/08/2021
    Voto
    5
    Commenti
    1
  • Sorgenti
    Quante volte nel silenzio dell'aurora ho ascoltato il gorgoglìo di questa sorgente e mi sono affacciato all'acqua increspata, specchiandomi nel tuo viso e poi nel mio. Quante volte ho affondato le mani nell'immagine riflessa e bevuto a questa fonte,
    Pubblicata il:24/07/2017
    Commenti
    0
  • Sulle vette
    Dolomiti del Brenta - Castelletto Inferiore, via lunga Kiene
    Dopo l'abbraccio col compagno di cordata...
    Pubblicata il:11/01/2012
    Voto
    4
    Commenti
    0
  • Un fiore nuovo da accudire
    Quando i miei occhi vedevano solo arido deserto, il tuo cuore fu un fiore nella sabbia. Il mio, acqua traboccante.
    Pubblicata il:21/04/2016
    Commenti
    0
  • Una giornata particolare
    Aveva accolto l’invito per due giorni di mare come una liberazione. Il desiderio di evadere da quella cappa di tristezza e timore, che aveva invaso la città come una nebbia nel cuore...
    Pubblicata il:11/09/2020
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Una strada senza locande
    Lei si abbandonava alle sue attenzioni e alla sua voce...
    Pubblicata il:26/03/2014
    Voto
    5
    Commenti
    1
  • Viaggi solitari
    Lunghi giorni di distanza, e ora potevano rivedersi. Lei chilometri di strada. Lui migliaia nel cuore, per ritrovarsi lontanissimo da dove era partito. Ne immaginava e desiderava la pelle e il respiro. Le parole e i racconti sarebbero diventati ve...
    Pubblicata il:09/08/2016
    Commenti
    0

Giorgio Alessandrini

Analista dati delle politiche per il lavoro per la Regione Emilia-Romagna. Ex funzionario amministrativo di INA-Assitalia, poi Generali. Appassionato delle vette e del mare; di emozioni; della vita. E di politica come strumento di risoluzione dei problemi reali.

© Giorgio Alessandrini 2017
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
- A +