mercoledì 8 dicembre 2021

Incontri

Incontri
Un marito scelto presto, da ragazza. Anni intensi di condivisione ora si consumavano nei silenzi e nella distanza delle anime, come la fiammella di una candela alla fine. 

Ogni cosa sembrava allontanarli. L’intensità delle professioni, rientrare stanchi, i figli piccoli, la casa grande da gestire. Si guardava intorno e vedeva doveri, impegni, bollette, scadenze, esigenze. E tutto ricominciava e si ripeteva, senza fine. Si sentiva sfiorire e prosciugare come una pianta neanche più guardata, né accudita. 
La routine della famiglia nascondeva un vuoto interiore in cui vacillavano le fondamenta di sé. A volte c’erano ospiti a cena. Colleghi del marito. Diventava una perfetta padrona di casa. Curava la preparazione nei minimi particolari, dalla tavola imbandita alla scelta delle pietanze. La conversazione amichevole e brillante creava una temporanea spensieratezza che sembrava riportare ad una parvenza di normalità, ma i complimenti che riceveva, pur graditi, non riuscivano a placare la sua sete interiore e, anzi, ne evidenziavano l’arsura. 
Quando tornava il silenzio e restava tutto da sistemare, si sentiva ancora più sola. Come compagna. Come madre. Come donna. 

“Hai sciolto e pettinato i capelli per sembrargli seducente?” - le chiese il marito quasi distrattamente, aiutandola a mettere i piatti nella lavastoviglie. Sentì il viso avvampare, e cercò una risposta che potesse convincere lui, ma anche sé stessa. “Hai portato un collega sconosciuto all’improvviso. L’ho ricevuto come quando siamo soli, ma mi sembrava sgarbato che se ne andasse senza che fossi un po’ presentabile”. 

Invece era inebriata da quella speciale serata d’estate. L'ospite aveva portato una fragranza di fresca e accogliente semplicità. L’aveva trattata con confidenziale rispetto, interessandosi cortesemente alla sua vita, al suo lavoro, alle sue passioni, ai suoi figli che lei aveva fatto mangiare e andare a letto, per poter cenare in tranquillità. 

Risuonava in lei l'eco di una conversazione inattesa. Constatò la confidenza tra loro e la stima reciproca che traspariva. Rimase rapita dalla profondità degli argomenti toccati. La semplicità e la verità di parole di dolore e d’amore, la dignità e compostezza di una sofferenza profonda da cui sgorgava una fonte di inesauribile dolcezza. 
Non si accorsero neanche di aver fatto le due di notte a parlare di tutto. Quando l’ospite si alzò per il commiato, lei si assentò un momento, e si ripresentò con bellissimi capelli biondi lunghi e sciolti, perfettamente pettinati. 

Assaporava ancora la trepidazione del cuore, per essere stata guardata in quell’istante. Con discrezione e impeccabile sobrietà, ma guardata come non si sentiva da tempo. Un risveglio improvviso e potente della sua femminilità, che le aveva fatto aumentare i battiti del cuore, e circolava nel sangue fino a raggiungere la sua pelle, proprio mentre sistemava i piatti e suo marito la interrogava.

_______________________________
Giorgio Alessandrini, 18 marzo 2021

Visualizzazioni: 991
Inserisci un commento
Commento
Nickname
Voto
Nessuno 1 2 3 4 5
Codice di controllo
Digita il codice di controllo
Digita il codice di controllo
Pagine correlate
  • Allontanarsi per sopravvivere
    Si allontanarono per sopravvivere, perché la certezza quotidiana che la vita dell'altra sarebbe proseguita anche senza la propria sarebbe stata una ferita lacerante
    Pubblicata il:26/12/2017
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Braci ardenti
    Perdersi e ricercarsi nel vuoto di un abbandono
    Nell’intensità di quegli istanti ritrovava perfettamente sé stesso...
    Pubblicata il:02/11/2012
    Voto
    4
    Commenti
    0
  • Buon 2020!
    Il crepitìo dei sassi sulla battigia risucchiati dalla risacca dell’onda che si ritrae, mentre osserviamo l’orizzonte del mare: ci sono istanti in cui ci troviamo di fronte a noi stessi, alle nostre virtù e alle ancor più numerose debolezze...
    Pubblicata il:31/12/2019
    Commenti
    0
  • Buon 2021
    La vita di relazione non è solo un diletto, bensì una necessità imprescindibile dell’animo umano. Un bene prezioso di cui avere rispetto e cura quotidiana
    Pubblicata il:01/01/2021
    Commenti
    0
  • Diluvi
    La pioggia era così intensa e scrosciante che copriva il rumore del passaggio delle poche auto nella via. Era una sera fredda, che invitava al tepore e alle letture in poltrona. Si affacciò alla finestra e guardò fuori. Le gocce grosse e pesanti
    Pubblicata il:16/12/2020
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Esperienze
    Dedicato alle persone che ci hanno fatto crescere
    Questa notte ritardo al mio appuntamento con le ore del silenzio. Un silenzio che simula quiete ed invece è tuono, e pioggia scrosciante, e vento, e tempesta...
    Pubblicata il:17/11/2015
    Voto
    5
    Commenti
    2
  • Gabbie invisibili
    Coazione a ripetere
    Inconsciamente si negava una vita diversa.
    Pubblicata il:29/10/2016
    Voto
    5
    Commenti
    1
  • Grostè - Pietra Grande
    Costa fatica e non regala ricchezze materiali, perciò non è di moda. Ma nella vita c’è sempre un modo per guardare lontano.
    Pubblicata il:08/07/2020
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Il silenzio vero
    Non sai cos’è il silenzio finché non vai sulle cime.
    Pubblicata il:15/08/2020
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Incanti d'estate
    Erano le due e il paese ormai dormiva. Davanti allo specchio si passava lentamente il latte detergente sul viso, cercando di placare in una routine ripetitiva il tumulto di emozioni e sentimenti contrastanti che la stavano dilaniando.
    Pubblicata il:21/07/2021
    Commenti
    0
  • La cartolina
    Equivoci della tecnologia
    Racconto surreale degli equivoci in cui si può incorrere nell'era digitale.
    Pubblicata il:06/11/2021
    Commenti
    0
  • La forza di reagire
    Il dolore del distacco aveva scisso la sua vita in due. Una proseguiva nel mondo, forte e combattiva. L’altra rifuggiva la folla e si rintanava nel buio dell’anima
    Pubblicata il:13/05/2021
    Commenti
    0
  • La scogliera
    Il cuore in tempesta
    Non dormiva più da ore. Guardò fuori dall'ampia vetrata inglese, dietro la testata del letto di quella casa di legno con gli smalti e la vernice divorati dalla salsedine...
    Pubblicata il:13/01/2018
    Voto
    5
    Commenti
    2
  • Le parole che non ti ho detto
    Nella città ferma per l’epidemia, il rumore di fondo era scomparso. Le orecchie si riabituavano al silenzio, e dai balconi soleggiati si iniziavano a percepire suoni insoliti e distanti. Il pianto di un bambino nel caseggiato di fronte. I latrati d
    Pubblicata il:15/03/2020
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Lezioni di inglese
    Insegnando, apprendeva qualcosa di sé
    Le tre ore a settimana concordate per riabituarlo alla conversazione diventarono in breve il momento più atteso
    Pubblicata il:12/01/2018
    Voto
    5
    Commenti
    1
  • Libri di vetta
    Si erano messi in cammino a metà pomeriggio. L’idea era di arrivare al rifugio in tempo per la cena, andare a dormire presto e verso le sei del mattino iniziare l’avvicinamento alla parete. Il meteo dava bel tempo e non si vedevano rischi ...
    Pubblicata il:01/03/2020
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Magma
    Due panche e un tavolo di legno sotto gli alberi accanto ad un piccolo cimitero sulle colline, tra i latrati di un cane lontano e il frinire delle cicale. Vi passava ore scrivendo freneticamente su un quaderno a righe.
    Pubblicata il:04/09/2021
    Commenti
    0
  • Notti
    Avvolti nel buio silente, sfiniti si volgono al varco che apri imperiosa ogni notte, vincendo le ultime forze.
    Pubblicata il:20/07/2020
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Orbite notturne
    Le loro vite avevano ripreso ritmi diversi. Restava lo sconvolgimento dell'istante in cui le anime si erano passate accanto. L'impetuoso innalzarsi delle maree del cuore. Le parole che come onde gigantesche pervadevano le menti, penetrandole e
    Pubblicata il:13/09/2017
    Voto
    4
    Commenti
    0
  • Persone che ci fanno sentire la vita
    A volte incontriamo persone in cui ritroviamo la parte più viva di noi stessi...
    Pubblicata il:19/12/2016
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Recensioni: Cambiare l'acqua ai fiori
    Recensioni: Cambiare l’acqua ai fiori Valérie Perrin, edizioni e/o. Josephine Hart aveva scritto: chi ha subìto un danno è pericoloso, sa di poter sopravvivere. Valérie Perrin racconta le conseguenze del dolore dal cuore della protagonista. Un viag
    Pubblicata il:12/10/2021
    Commenti
    0
  • Reparti dell'amore
    Nella vita, c’è chi trova un senso nella stabilità. Del luogo in cui vive, del lavoro, dell’amore, degli affetti. Il pensiero di essere circondato dalle cose che ama lo rassicura, e rappresenta le fondamenta su cui costruire il proprio futuro.
    Pubblicata il:01/11/2020
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Ritorni
    Rincontrare noi stessi, per come eravamo.
    Tornava, di tanto in tanto. Di notte, senza preavviso. Entrava in sogni senza trama...
    Pubblicata il:13/10/2013
    Voto
    5
    Commenti
    2
  • Ritrovare la strada
    Voglio proprio vedere se riesci a ritrovare la strada. Senza la mappa dei miei occhi, senza l'aiuto delle mie mani. Dopo che gli uccelli hanno mangiato tutte le parole che ho lasciato sul sentiero
    Pubblicata il:20/09/2018
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Sensualità
    Quando immagino la sensualità dell'amore, essa ha la luminosità dei tuoi occhi, la fragranza della tua voce, l'erotismo della piega delle tue labbra. Ha le piccole imperfezioni dei nostri corpi vissuti, proprio per questo ancora più belli e natu
    Pubblicata il:04/08/2021
    Commenti
    0
  • Sentieri
    Riconosceva i rifugi a distanza. Aveva imparato quando gli erano necessari e quando doveva proseguire. Altri, invece, erano sempre con sé.
    Pubblicata il:08/02/2021
    Commenti
    0
  • Silenziose presenze
    Le voci dei cari, i preparativi gioiosi, l’armonia della festa e della comunione rendevano ancora più presente e impetuosa nel cuore un’altra comunione, intima e segreta, inviolabile anche dagli affetti più stretti. Una nuova dimensione in cui scop
    Pubblicata il:24/12/2020
    Commenti
    0
  • Una giornata particolare
    Aveva accolto l’invito per due giorni di mare come una liberazione. Il desiderio di evadere da quella cappa di tristezza e timore, che aveva invaso la città come una nebbia nel cuore...
    Pubblicata il:11/09/2020
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Una strada senza locande
    Lei si abbandonava alle sue attenzioni e alla sua voce...
    Pubblicata il:26/03/2014
    Voto
    5
    Commenti
    1
  • Una voce che ci scopre e denuda
    Quale sete plachiamo quando incontriamo una voce che penetra la nostra anima e si addentra velocemente nei suoi più nascosti meandri come se ne avesse le chiavi
    Pubblicata il:10/12/2020
    Voto
    5
    Commenti
    0

Giorgio Alessandrini

Vicepresidente di GasMuha Empowerment Project Onlus. Ex responsabile amministrativo di Agenzie Generali Ina-Assitalia, ora Generali. Appassionato della vita, delle emozioni, delle vette, del mare. E di politica come modo di stare insieme.

© Giorgio Alessandrini 2017
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalit� illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di pi� o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all�uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
- A +