venerdì 1 dicembre 2023

La riforma fiscale è sulla bocca di tutti. Ma quale?

E il PD cosa sceglie?

La riforma fiscale è sulla bocca di tutti. Ma quale?

Tra i primi concetti di macroeconomia, si impara quello della “propensione marginale al consumo”, costituita dal rapporto tra l’incremento del consumo e l’incremento del reddito.

In parole semplici essa ci dice che, quando i redditi sono bassi, il loro aumento produce un aumento dei consumi maggiore di quello che si avrebbe aumentando dello stesso importo redditi già alti. Il motivo è facilmente intuibile: alcuni consumi sono costituiti dai bisogni essenziali delle persone e più di tanto non sono comprimibili, se non a costo di enormi sacrifici che possono mettere a repentaglio la salute e la sopravvivenza stessa. Un aumento del reddito per coloro che non riescono ad assicurarsi i bisogni essenziali (cibo, vestiario, ricovero) produce un’immediata soddisfazione di tali bisogni.

In caso di redditi elevati i bisogni essenziali sono invece già soddisfatti e garantiti, e quindi un aumento delle disponibilità economiche produce in prima istanza una scelta di destinazione: risparmio e copertura di debiti pregressi (mutui, investimenti, ecc.) o incremento dei consumi verso beni aggiuntivi e voluttuari?

Questo schema, qui necessariamente semplificato ma aderente alle teorie economiche classiche, non è una costante immutabile nel tempo, ma assume dimensioni e misurabilità diverse a seconda di molti fattori che possono essere così riassunti: la situazione economica generale in un dato momento (recessione, espansione, boom); la situazione economica delle diverse categorie di reddito che compongono la società (reddito medio pro-capite, livello di indebitamento medio, composizione media dei nuclei familiari, rapporto tra popolazione attiva e non attiva, ecc.); la percentuali numeriche delle varie classi di reddito nella società in esame.

La scienza delle finanze e la politica economica studiano questi fattori, il loro andamento nel tempo, il fabbisogno per la copertura della spesa pubblica, l’insieme degli strumenti fiscali e monetari a disposizione per eliminare inefficienze, distorsioni, deviazioni, ingiustizie, e promuovere sviluppo, crescita e benessere.

Compito della politica è quello di manovrare tali strumenti per realizzare: 1) un sistema fiscale equo e ragionevole per la comunità nel suo complesso, in cui tutti contribuiscano in ragione della loro capacità come previsto dalla Costituzione, e sia soddisfatta la necessità di garantire a tutti alcuni diritti essenziali indipendentemente dalla situazione economica, come la salute e l’istruzione; 2) un sistema economico che valorizzi la produzione e la diffusione della ricchezza, del lavoro e della piena occupazione, della cultura, delle opportunità per le future generazioni.

In un sistema democratico, tali obiettivi sono condivisi dalla maggioranza dei cittadini attraverso il voto. Di conseguenza le forze politiche propongono in materia fiscale ed economica diverse gradazioni di rigidità, offrendo un ventaglio di posizioni sulle quali l’elettorato farà la sua scelta, più o meno consapevole.

Naturalmente le scelte non sono neutrali. Anzi, producono effetti estremamente differenti sia nella distribuzione delle ricchezze, sia nelle caratteristiche economiche e produttive del paese che le adotta.

Scegliere la flat tax, oppure una riduzione del numero di aliquote IRPEF – che attualmente sono cinque – avrebbe un effetto favorevole ai redditi medio alti e penalizzante per i redditi bassi e medio bassi. Inoltre, tornando all’esempio iniziale, produrrebbe uno stimolo ai consumi inferiore a quello raggiungibile altrimenti, e orienterebbe l’incremento delle attività produttive verso beni non essenziali o voluttuari.

Viceversa, una maggiore diversificazione delle attuali aliquote IRPEF, oltre a rispondere più adeguatamente al dettato costituzionale e a quelle che dovrebbero essere le aspirazioni redistributive del centrosinistra, garantirebbe maggiori capacità di spesa dei ceti medio bassi, e una più alta propensione al consumo indirizzata verso beni essenziali o durevoli. La maggiore domanda alimenterebbe quindi la catena produttiva di tali beni, offrendo maggiori possibilità occupazionali e aumentando quindi il numero di potenziali consumatori, proseguendo via via verso incrementi produttivi fino al punto di riequilibrio della domanda e dell’offerta.

Effettuare una riforma fiscale basandosi sullo slogan della semplificazione delle aliquote, pensando che sia la cosa più semplice da spiegare agli elettori, ormai considerati - in certi casi a ragione - incapaci di comprendere di più, potrebbe avere effetti devastanti ai fini redistributivi ed esiziali per il centrosinistra, che seppellirebbe definitivamente l’immagine di uno schieramento che si pone a difesa delle classi popolari e del ceto medio, e che lotta per il recupero delle loro posizioni che sono andate perdute negli anni della globalizzazione. Con buona pace dei valori incarnati da Berlinguer e Moro.

Ammesso che sia accettabile che chi guadagna 250mila euro all’anno paghi con la stessa aliquota di chi ne guadagna 75mila (Costituzione e redistribuzione, dove siete?), forse per il centrosinistra è meglio spostare l’attenzione sulla detraibilità delle spese, piuttosto che sulla manovrabilità delle aliquote.

Nell’era digitale, il cittadino deve poter detrarre ciò che acquista, se paga elettronicamente. Consentendo uno sconto all’acquirente, l’IVA pagata potrebbe essere girata direttamente all’erario anziché al fornitore tagliando alla radice il problema del recupero, e l’imponibile della fattura (o dello scontrino) potrebbe essere messo in detrazione, magari con percentuali diverse a seconda delle fasce di reddito e di tipologia di acquisto. Ognuno sarebbe così stimolato a certificare le sue spese attraverso il pagamento digitale al fine di detrarle dal reddito, in modo da raggiungere un imponibile con aliquota inferiore. E’ per questo che le aliquote andrebbero aumentate, e non diminuite: per rendere più facilmente raggiungibile a tutti un risparmio fiscale, anche se modesto.

Se col gioco degli sconti e detrazioni si recuperasse anche solo il 70% del totale evaso, sarebbero comunque 77 miliardi di euro utili a ridurre il debito pubblico e a un’adeguata politica di investimenti infrastrutturali. E si farebbe una gigantesca operazione di redistribuzione dei redditi e di equità fiscale, oltre che di forte sostegno alla domanda interna. Mentre la Finanza potrebbe dedicarsi all’emersione del nero.

________________________________

Giorgio Alessandrini, 13 luglio 2020


Visualizzazioni: 2670
Inserisci un commento
Commento
Nickname
Voto
Nessuno 1 2 3 4 5
Codice di controllo
Digita il codice di controllo
Digita il codice di controllo


Voto
5
Pagine correlate
  • 124 voli di Stato per madame Casellati Serbelloni-Mazzanti-Viendalmare
    La paura Fa(lcon) 900 !
    124 voli di Stato in undici mesi per andare a casa e fare le vacanze. Siete arrabbiati? Che vi aspettavate? Il genere umano che eleggiamo in qualsiasi organo rappresentativo è esattamente uguale al popolo. Furbetto e arraffone
    Pubblicata il:29/04/2021
    Commenti
    0
  • 9 maggio 1978 - Il delitto Moro
    Avevamo solo 18 anni, ma che fosse Storia lo sapevamo già allora.
    Pubblicata il:09/05/2021
    Commenti
    0
  • Addio Pablito, grazie!
    La scomparsa di Paolo Rossi.
    Pubblicata il:10/12/2020
    Commenti
    0
  • Biot traditore
    Gli agi acquisiti considerati irrinunciabili. Giustificazioni che rivelano inconsistenza e educazione approssimativa, come tante altre se ne vedono tutti i giorni, ma stonate se provenienti da chi “ha servito il Paese”. Nel bisogno le case si vendo
    Pubblicata il:02/04/2021
    Commenti
    1
  • Bonaccini contro liste bloccate
    Mi fa piacere che Stefano Bonaccini si sia espresso così chiaramente a favore della eliminazione delle liste bloccate. È in ritardo di 10 anni, ma meglio tardi che mai.
    Pubblicata il:06/02/2022
    Commenti
    0
  • Che noia: ancora fuoriusciti dal PD!
    La prima cosa che il Partito Democratico deve garantire è quella di candidare persone che abbiano la dignità di restare nel partito che li ha fatti eleggere. E se proprio non ce la fanno, di dimettersi a favore del primo dei non eletti.
    Pubblicata il:22/10/2019
    Commenti
    0
  • Come perdere elezioni imperdibili
    Come mai, in un paese di 334milioni di abitanti, il partito democratico americano è riuscito a contrapporre un settantasettenne senza particolare carisma al più ridicolo e inadeguato (e ce ne sono stati tanti) presidente della storia degli Stati Un
    Pubblicata il:04/11/2020
    Commenti
    0
  • Congresso PD 2019
    Riflessioni dopo il Forum per l'Italia - Milano, 27 ottobre 2018
    Il peggior errore che si potrebbe commettere, in questi pochi mesi che ci separano dalle elezioni europee, è quello di fare un congresso “farsa”.
    Pubblicata il:29/10/2018
    Voto
    4
    Commenti
    2
  • Consentiamo una detrazione a chi paga l'IVA
    Su 109 miliardi di evasione fiscale, circa 40 risultano di evasione IVA...
    Pubblicata il:19/10/2016
    Commenti
    0
  • Cosa cambierà dopo l'invasione dell'Ucraina
    Per non cadere nel baratro di nuove guerre, non mi sembra che ci siano altre alternative che correre più veloce. Più cultura, più saperi, più abilità, più tecnologia. Più futuro.
    Pubblicata il:06/03/2022
    Commenti
    0
  • Diluvi
    La pioggia era così intensa e scrosciante che copriva il rumore del passaggio delle poche auto nella via. Era una sera fredda, che invitava al tepore e alle letture in poltrona. Si affacciò alla finestra e guardò fuori. Le gocce grosse e pesanti
    Pubblicata il:16/12/2020
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Elezioni regionali 2020 e taglio dei parlamentari
    Ora ripristiniamo le prerogative del Sovrano
    Il risultato delle regionali lascia più sollevati che contenti. Penso però che non ci sia troppo da cantar vittoria. In Toscana, Puglia e Campania le destre ci hanno fatto un regalo, con candidati non all’altezza o ricicloni indigeribili. Trovare
    Pubblicata il:22/09/2020
    Commenti
    0
  • Evasione Fiscale in Italia
    PD, dove sei?
    L’evasione fiscale italiana rende ormai intollerabili cifre di recupero ridicole. Lo Stato deve creare l’interesse a certificare l’acquisto. Nell’era digitale, il cittadino deve poter detrarre ciò che acquista pagando elettronicamente.
    Pubblicata il:16/04/2019
    Commenti
    0
  • Forza segretario, possiamo fare meglio!
    Letta e le nuove proposte elettorali
    Anche se ormai dispero di essere ascoltato, come militante considero questo tipo di comunicazione un errore politico ed economico.
    Pubblicata il:14/08/2022
    Commenti
    0
  • Globalizzazione e concentrazione delle ricchezze: due facce della stessa medaglia
    Il nuovo rapporto Oxfam sulle disuguaglianze nel mondo
    Otto persone posseggono da sole la stessa quantità di ricchezza della metà più povera dell’intera umanità...
    Pubblicata il:20/01/2017
    Voto
    4
    Commenti
    0
  • Grazie Sig. Primo Ministro
    Edi Rama ricambia il nostro aiuto
    Il premier albanese Edi Rama manda 30 medici e infermieri in Italia per dare una mano, sentendo il desiderio di ricambiare i nostri aiuti negli anni 90, quando loro espatriavano per sopravvivere alla fame.
    Pubblicata il:29/03/2020
    Commenti
    0
  • I Morti di Bergamo
    Cosa ci direbbero
    "Cosa ci direbbero i morti di Bergamo" Forse, Renzi, avrebbero potuto dirti questo: "Più velocemente si scivola, meno appigli si trovano per fermare la caduta." 1 maggio 2020
    Pubblicata il:01/05/2020
    Commenti
    0
  • Il clamoroso errore di Michel
    Sono doverose le sue dimissioni
    Il clamoroso errore del Presidente del Consiglio Europeo, il belga Charles Michel, davanti ad Erdogan
    Pubblicata il:07/04/2021
    Commenti
    0
  • Il delirio di Salvini: dice di essere l'erede di Berlinguer
    Il problema non è chi lo afferma, ma tutti quelli che ci credono. È il loro numero a darci la misura di quanto abbiamo abbassato la guardia, culturalmente e politicamente. Al bar del paese gli darebbero l'ultimo quartino di bianco, così si addormen
    Pubblicata il:10/07/2020
    Commenti
    0
  • Il Partito Democratico e le sfide del nuovo governo
    La nuova coalizione di governo tra M5S e PD nata dopo il clamoroso errore tattico di Salvini potrebbe non avere vita facile, ma potrebbe anche rivelarsi un’opportunità. Molto dipenderà dall’intelligenza e dalla capacità di visione dei loro leaders.
    Pubblicata il:15/09/2019
    Commenti
    0
  • Il Premier "eletto dal popolo"
    La riforma istituzionale proposta da Meloni
    Il disegno di legge costituzionale per l’introduzione dell’elezione diretta del Presidente del Consiglio dei ministri è un guazzabuglio da cestinare immediatamente
    Pubblicata il:10/11/2023
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Il silenzio vero
    Non sai cos’è il silenzio finché non vai sulle cime.
    Pubblicata il:15/08/2020
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Incontri
    Un marito scelto presto, da ragazza. Anni intensi di condivisione ora si consumavano nei silenzi e nella distanza delle anime, come la fiammella di una candela alla fine. Ogni cosa sembrava allontanarli. L’intensità delle professioni,
    Pubblicata il:18/03/2021
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Intervento su crisi PD dopo le elezioni politiche 2013
    Nei momenti di difficoltà diventa più importante il contributo di ognuno di noi.
    Vale la pena ricordarlo: il popolo italiano non teme affatto le difficoltà di un’impresa ardua, ma resta immobile per diffidenza verso chi non sa dare l’esempio.
    Pubblicata il:07/05/2013
    Commenti
    0
  • La beffa per i lavoratori dipendenti e pensionati
    La riforma fiscale del governo Draghi e invece l’equità.
    Il MEF pubblica dati sulle entrate tributarie e sulle dichiarazioni annuali per le diverse categorie di imposta. Con fogli excel e un po’ di pazienza ne ho analizzato gli andamenti degli ultimi 20 anni.
    Pubblicata il:23/12/2021
    Voto
    5
    Commenti
    1
  • La cartolina
    Equivoci della tecnologia
    Racconto surreale degli equivoci in cui si può incorrere nell'era digitale.
    Pubblicata il:06/11/2021
    Voto
    5
    Commenti
    1
  • La destra ripropone la flat tax. Ancora...
    Senza vergogna Berlusconi propone il 23% e Salvini addirittura il 15%
    Nelle assurde proposte politiche di questa destra esiste in realtà un filo conduttore comune. L’idea che il pianeta non basti per tutti, e solo i più forti abbiamo il diritto di sfruttarlo e depredarlo come meglio possono. Gli altri si fottano.
    Pubblicata il:24/08/2022
    Commenti
    0
  • La politica dello spauracchio
    Elogio di bandiera rossa
    Mi fa sorridere prendere le difese del canto di “bandiera rossa”. Andavo a lezione all’università di Roma, La Sapienza, quando i rossi portavano l’eskimo e io giravo con il Giornale di Montanelli in mano, tanto per far capire la distanza.
    Pubblicata il:18/09/2019
    Commenti
    0
  • La proposta di legge Fiano contro l'apologia del fascismo
    Da militante del Partito Democratico, il mio pensiero sulla legge Fiano inizia con una domanda: questa legge rappresenta un segnale di forza o di debolezza del PD? Sarebbe questa la risposta? La legge Fiano?
    Pubblicata il:13/09/2017
    Voto
    5
    Commenti
    11
  • La tassa di successione di Letta
    Sulla comunicazione abbiamo ampi margini di miglioramento!
    Pubblicata il:21/05/2021
    Commenti
    0
  • Le dimissioni di Zingaretti
    Stanno esplodendo tutte le contraddizioni irrisolte di questo partito. Dalla mancanza di una chiara linea politica alla autoreferenzialità di una classe dirigente che sembra vivere sulla luna. Probabilmente ci faremo molto male..
    Pubblicata il:04/03/2021
    Commenti
    0
  • Le mozioni di sfiducia a Bonafede
    Un rito senza significato che compatta la maggioranza
    Che vi aspettavate? Grillo vi ha martellato la testa per anni, inculcando nei semplici l’idea che chiunque sarebbe stato meglio dei politici e dei competenti; anche la Sciura Cesira.
    Pubblicata il:20/05/2020
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Le parole che non ti ho detto
    Nella città ferma per l’epidemia, il rumore di fondo era scomparso. Le orecchie si riabituavano al silenzio, e dai balconi soleggiati si iniziavano a percepire suoni insoliti e distanti. Il pianto di un bambino nel caseggiato di fronte. I latrati d
    Pubblicata il:15/03/2020
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Lettera aperta al segretario Zingaretti
    Lettera aperta al Segretario del Partito Democratico Buongiorno Segretario, mi chiamo Giorgio Alessandrini e sono un iscritto di Piacenza, città in via di ripartenza dopo essere stata duramente provata dall’esplosione del contagio. Le scrivo perch...
    Pubblicata il:08/06/2020
    Commenti
    0
  • Ma quale potrà mai essere la matrice?
    Anche se il fatto che alle manifestazioni no-vax spuntino sempre fuori i fascisti ha pur sempre un significato, distinguerei. I primi mi sembra che abbiano un problema di percezione della realtà. I secondi di legalità.Le loro formazioni vanno sciol
    Pubblicata il:10/10/2021
    Commenti
    0
  • Magma
    Due panche e un tavolo di legno sotto gli alberi accanto ad un piccolo cimitero sulle colline, tra i latrati di un cane lontano e il frinire delle cicale. Vi passava ore scrivendo freneticamente su un quaderno a righe.
    Pubblicata il:04/09/2021
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Manifesto per un'umanità più felice
    RIFLESSIONI E PROPOSITI IN VISTA DEL CONGRESSO NAZIONALE DEL PARTITO DEMOCRATICO
    C’è un incendio che divampa in Europa. Alimentato da un forte vento di rabbia e rancore. L’unica acqua che potrà spegnerlo sarà prendersi cura delle persone. Prendersi cura è l’unica forma per ricreare una comunità di luoghi e di prossimità...
    Pubblicata il:04/12/2018
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Mattia Santori con le Sardine a Piacenza
    Questi ragazzi manifestano contro un modo di fare, e soprattutto di intendere, la politica. Un modo tanto urlato e sguaiato quanto inconcludente e dannoso. C’è qualcosa di male in questo? Non mi sembra. Anzi, il fatto che le piazze si riempiano ci
    Pubblicata il:28/11/2019
    Commenti
    0
  • Maurizio Martina a Piacenza
    #MaurizioMartina a Piacenza, con gli ospiti dei sindacati a ragionare sul futuro, sul lavoro, sulle difficoltà delle società moderne nella globalizzazione e nel mondo interconnesso.
    Pubblicata il:11/02/2019
    Commenti
    0
  • Mentana vuole censurare?
    Guardavo il TGla7 illudendomi di trovare un notiziario un po' asettico e imparziale, in un panorama informativo fortemente condizionato dalla politica degli attori pubblici e privati. Ma, caro Mentana, se vuoi scegliere che notizie darmi e come...
    Pubblicata il:19/04/2020
    Commenti
    0
  • Non è maschilismo, Signora De Biase
    Alcuni sono più uguali degli altri
    Come nella Fattoria degli animali di Orwell, il sistema delle candidature al Parlamento rende alcuni cittadini più uguali degli altri.
    Pubblicata il:11/08/2022
    Voto
    5
    Commenti
    2
  • Pandemia e crisi economica
    Nelle situazioni estreme, si possono affrontare nodi irrisolti e prendere decisioni trascinatesi senza costrutto per decenni. Abbiamo l’incredibile occasione di trasformare la tragedia in una nuova ricostruzione.
    Pubblicata il:04/04/2020
    Commenti
    0
  • Paola Egonu
    Se il Pd è alla ricerca di simboli, Paola Egonu è uno dei più potenti.
    Pubblicata il:15/10/2022
    Commenti
    0
  • Partito Democratico: un pensiero nuovo per questo Paese
    Un popolo che perde la speranza si nutre di rabbia, credendola ragione.
    Il ceto medio, che si è espanso nella seconda metà del secolo dando linfa alla democrazia del confronto, nel mondo globalizzato si va impoverendo. Le sue opportunità, le sue speranze e le sue conquiste sociali si vanno sempre più assottigliando..
    Pubblicata il:08/10/2016
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Proibire le chiamate da call center
    Le chiamate dai call center ai numeri di casa per proporre nuovi contratti di energia, gas, telefonia e carta igienica dovrebbero essere proibite dalla legge. Se fatte sui cellulari, andrebbero aggiunte anche le frustate in piazza.
    Pubblicata il:16/12/2020
    Commenti
    0
  • Recensioni: Cambiare l'acqua ai fiori
    Recensioni: Cambiare l’acqua ai fiori Valérie Perrin, edizioni e/o. Josephine Hart aveva scritto: chi ha subìto un danno è pericoloso, sa di poter sopravvivere. Valérie Perrin racconta le conseguenze del dolore dal cuore della protagonista. Un viag
    Pubblicata il:12/10/2021
    Commenti
    0
  • Recovery Fund e strategie di ripresa
    L’orizzonte, però, bisogna sceglierlo. E il dibattito politico dovrebbe vertere su questo. I confronti pubblici dovrebbero essere orientati ad una condivisione della meta..
    Pubblicata il:01/06/2020
    Commenti
    0
  • Referendum sulla riduzione dei parlamentari
    Sono favorevole, ecco perché:
    Sebbene il PD sembri incline ad orientare il voto al referendum sulla riduzione del numero dei parlamentari verso il no, io sono dello stesso parere del Presidente Bonaccini, che si è dichiarato favorevole. E ne spiego i motivi. La motivazione addo
    Pubblicata il:07/08/2020
    Commenti
    0
  • Renzi come John?
    Il problema di tornare ad essere uno qualsiasi.
    Io Renzi un po’ lo capisco. A quarant’anni era arrivato alla presidenza del consiglio, come John Kennedy arrivò alla Casa Bianca. John era il suo modello e ora non si capacita, poverino. Gli tocca ascoltare Conte, e quell’imbecille di Di Maio, e po
    Pubblicata il:03/11/2019
    Voto
    5
    Commenti
    1
  • Renzi, il rinnovamento e la sfida delle primarie PD
    Intervento di Renzi alla festa provinciale del PD di Piacenza
    La situazione economica, le politiche di rigore, la stessa nomenclatura del suo partito gli hanno offerto un argomento su un piatto d’argento, e lui ce lo serve con la certezza di avere in mano il piatto più prelibato...
    Pubblicata il:13/09/2012
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Riflessioni..
    Quando i sintomi di una catastrofe ci sono tutti, il primo è sempre quello di non aver voluto guardarli.
    Pubblicata il:20/01/2017
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Sardine a Piacenza
    Il discorso di questo ragazzo, Mattia, è stato breve e semplice, e va bene così. L’importante è che la gente stufa di questa politica urlata e facilona si accorga di non essere sola.
    Pubblicata il:28/11/2019
    Commenti
    0
  • Sensualità
    Quando immagino la sensualità dell'amore, essa ha la luminosità dei tuoi occhi, la fragranza della tua voce, l'erotismo della piega delle tue labbra. Ha le piccole imperfezioni dei nostri corpi vissuti, proprio per questo ancora più belli e natu
    Pubblicata il:04/08/2021
    Voto
    5
    Commenti
    1
  • Suggerimenti per Enrico Letta
    Buongiorno Segretario, I circoli del PD raccolgono con entusiasmo e passione la sfida di una importante opera di rinnovamento del Partito Democratico, finalmente riconosciuta apertamente nella sua relazione
    Pubblicata il:20/03/2021
    Commenti
    0
  • Tramonto sull’oceano atlantico
    Sera del 22 maggio
    All’orizzonte, una striscia di nuvole dove il sole muore...
    Pubblicata il:22/05/2022
    Commenti
    0
  • Una voce che ci scopre e denuda
    Quale sete plachiamo quando incontriamo una voce che penetra la nostra anima e si addentra velocemente nei suoi più nascosti meandri come se ne avesse le chiavi
    Pubblicata il:10/12/2020
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Virus letale
    Ci ha colto impreparati
    Una prima cosa credo si possa dirla: eravamo del tutto impreparati. Non solo noi italiani. Tutti. A noi è toccata solo la sventura di essere i primi investiti dall’onda; e quindi gli altri, se ci osservano, hanno la possibilità di correggere il ti...
    Pubblicata il:20/03/2020
    Voto
    4
    Commenti
    0

Giorgio Alessandrini

Analista dati delle politiche per il lavoro per la Regione Emila-Romagna. Ex funzionario amministrativo di INA-Assitalia, poi Generali. Appassionato delle vette e del mare; di emozioni; della vita. E di politica come strumento di risoluzione dei problemi reali.

© Giorgio Alessandrini 2017
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
- A +