venerdì 1 dicembre 2023

Suggerimenti per Enrico Letta

Suggerimenti per Enrico Letta
Al nuovo Segretario del Partito Democratico Enrico Letta 

Buongiorno Segretario, 
credo che i circoli del PD raccoglieranno con entusiasmo e passione la sfida di una importante opera di rinnovamento del Partito Democratico, finalmente riconosciuta apertamente nella sua relazione. 

PREMESSA 

L'esasperante litigiosità interna ha determinato una profonda lesione dell'immagine del Partito Democratico e della percezione della sua capacità di interpretare e concentrarsi sul reale disagio della popolazione italiana. 

Una fetta dell’elettorato non si riconosce più nel partito e si astiene dal voto per diversi motivi: la crescita delle disuguaglianze, la stagnazione economica, la disoccupazione, il precariato, il crescente senso di insicurezza per il futuro, la percezione dell’impotenza della politica nazionale di fronte a fenomeni economici di carattere sovranazionale. 

L’inadeguatezza delle risposte ha alimentato la rabbia e il malcontento e ha determinato l’esplosione di consenso del populismo qualunquista e di destra. 

Da tempo è necessaria e improrogabile una analisi politica seria e circostanziata, che produca una nuova visione e una nuova meta verso cui radunare e accompagnare il nostro elettorato; quello nuovo da convincere e quello vecchio, sfiduciato e sfibrato. 

ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE 

Nel suo discorso all’Assemblea ha evidenziato che gli unici partiti rimasti ad avere una organizzazione territoriale sono il PD e la Lega, che la copiò dal PCI. Su questo tema, preme ribadire alcuni princìpi: 

1. I circoli e gli iscritti devono tornare ad avere voce. Per ridare un senso e rinvigorire le energie di chi, nonostante tutto, crede ancora che la partecipazione sia un valore e nel panorama attuale anche un dovere. Per ravvivare un dialogo tra direzione e organizzazione territoriale che, essendo oramai completamente cessato, affievolisce fino a spegnerla la fiammella della militanza e impoverisce il dibattito ai vertici, trasformandolo in posizionamenti tattici di carattere personalistico. 

2. Anche oggi, nel mondo globalizzato e digitalizzato, l’organizzazione capillare e ramificata sul territorio costituisce un patrimonio inestimabile e insostituibile per la raccolta di un consenso non effimero o volatile. Un consenso legato alle idee e alla capacità di diffonderle nelle relazioni personali quotidiane, infondendo nell’elettorato il rassicurante senso di una reale presenza che contrasti la solitudine dell’uomo interconnesso, il quale si illude di partecipare dicendo la sua sui social ma in realtà è profondamente solo e ha progressivamente perduto la capacità e la voglia di manifestare un dissenso organizzato ed efficace. 

3. L'auspicio è quindi che vengano definitivamente accantonate le suggestioni sul “partito liquido”, disattivo e disarticolato nella sua quotidianità ma capace di attivarsi in occasione delle campagne elettorali, nell’illusione che le chiamate a raccolta con le primarie possano sempre suscitare l’entusiasmo popolare. 

4. E' indifferibile una profonda revisione delle modalità di selezione della classe dirigente, sia nella scelta del segretario nazionale, che deve essere affidata ai soli iscritti al partito, relegando le primarie alla scelta del candidato premier di coalizione, sia nella scelta dei candidati alle elezioni, che deve essere ricondotta a meccanismi di scelta territoriali e di base. È infatti evidente che se all’iscrizione al partito non corrisponde un effettivo potere decisionale, riservato ad esterni nelle primarie e ai vertici nella scelta delle candidature, non solo il tesseramento precipita rendendo estremamente problematica la presenza sul territorio, ma il desiderio di partecipazione si rivolge altrove, verso il volontariato sociale e civile, che almeno offre risultati concreti ed evidenti all’impegno individuale. 

FUNZIONAMENTO PARLAMENTARE 

Con sollievo sono apprezzabili le parole con le quali ha sottolineato quanto appaia devastante, dall’esterno del palazzo, l’immagine del trasformismo parlamentare. Siamo certi che in un partito forte e unito verso gli obiettivi comuni il fenomeno rientrerebbe entro i limiti fisiologici. 
Tuttavia, fermo restando il principio costituzionale dell’assenza di vincolo di mandato, sono decisamente da appoggiare le ipotesi di adottare correttivi che scoraggino queste forme di transumanza, creando setacci che trattengano le convenienze personali e lascino passare gli ideali e gli alti valori

Su questo tema, è utile suggerire alcune soluzioni

1. Introdurre alle Camere il divieto di costituzione di gruppi parlamentari non corrispondenti alle liste elettorali che si sono presentate alle elezioni. Le uniche possibilità di fuoriuscita potranno essere verso un altro partito o verso il gruppo misto; 

2. Non conteggiare il gruppo misto nella formazione delle commissioni parlamentari, con l’eccezione dei rappresentanti delle autonomie locali di confine; 

3. Prevedere una nuova forma di retribuzione del parlamentare, in cui l’indennità venga scorporata in due componenti:
 
a) una componente corrisposta direttamente dalla Camera di appartenenza, totalmente commisurata alla presenza, alla partecipazione ai lavori in commissione e in aula, e alle votazioni. Questo al fine di evitare i fenomeni di assenteismo cronico e quello dei leader in perenne campagna elettorale stipendiata dal Parlamento; 

b) l’altra componente, riconosciuta al gruppo parlamentare della lista che lo ha candidato in proporzione al risultato elettorale conseguito, e da questo corrisposta finché il parlamentare vi rimane; in questo modo gli eventuali dissensi dal gruppo di provenienza sarebbero sottolineati e valorizzati, rafforzandone l’idealismo dell’autore, dalla perdita di una quota dell’indennità. Inoltre, sarebbero risolte definitivamente, attraverso una trattenuta alla fonte, le penose diatribe tra i partiti e i parlamentari che non rispettano gli accordi di versare una quota al partito stesso. Naturalmente questa componente non sarebbe riconosciuta ai confluiti nel gruppo misto. 

SISTEMA ELETTORALE 

L’esperienza dovrebbe ormai averci finalmente insegnato che la stabilità dei governi e le programmazioni politiche a lungo termine sono possibili solo in un quadro di solide maggioranze parlamentari. 

I sistemi elettorali, siano essi improntati a sistemi maggioritari o proporzionali, soprattutto nella nuova situazione data dal referendum, devono garantire: 

1. Alle minoranze un diritto di tribuna, ma non un potere di ricatto al governo: se è giusto che chi ha preso tra il 3% e il 5% dei voti abbia possibilità di offrire il suo contributo di idee, non è accettabile che un pugno di parlamentari possa decidere le sorti di una maggioranza di governo, la quale deve poter contare sul fatto che il numero sufficiente dei voti sia garantito dai partiti elettoralmente più pesanti all’interno della coalizione; 

2. La sostituibilità del parlamentare cessato dall’incarico con il primo dei non eletti della stessa lista nel collegio, con eliminazione delle elezioni suppletive e conservazione della stabilità del quadro politico fino al termine della legislatura; 

3. Un adeguato sistema di preferenze, con obbligo di alternanza di genere; 

4. L’introduzione della “sfiducia costruttiva”

Si possono prendere in considerazione sistemi elettorali a doppio turno. Ma anche il sistema elettorale della Regione Emilia-Romagna, opportunamente modificato secondo le indicazioni sopra esposte, può costituire una buona base di partenza. 

PER UNA SOCIETA’ PIU’ EQUA 

Come già evidenziato in premessa, è necessaria un’analisi politica che produca una nuova visione e una nuova meta

L’identità del PD, oggi più che mai, non può più essere solamente basata - agli occhi delle masse – sulle pur lodevoli battaglie a favore delle minoranze. 

Tali battaglie contribuiscono a caratterizzare la natura progressista del partito. Ne evidenziano l’apertura verso ogni forma di diversità come occasione di pluralità ed arricchimento, ma da sole non bastano a ridefinire un nuovo progetto per gli italiani e tutti gli europei. 

Dobbiamo elaborare nuove proposte che coinvolgano l’elettorato a cui intendiamo rivolgerci. Quello che costituisce l’ossatura e il sistema pulsante di questo Paese: i lavoratori, le famiglie, la scuola, le imprese. Dai ceti medio-alti a quelli popolari. 

I princìpi a cui ispirarsi nell’azione devono essere: 

1. L’abbandono della politica dei bonus selettivi: l’immagine che ne scaturisce è quella della politica delle toppe alla falla, e di una sensazione di precarietà e scarsa solidità e durevolezza; di mancanza di visione e di iniquità; 

2. Il passaggio a riforme organiche e strutturali, che corrispondano al disegno della nuova società che si vuol realizzare e ne coinvolgano tutti gli attori per ottenerne la collaborazione e il sostegno; 

3. Il ritorno ad un sistema scolastico severo ed estremante performante, per riprogrammare il panorama delle possibilità da offrire alle future generazioni e consentire loro di vincere le sfide della modernità; 

4. Il ripristino di un adeguato e funzionante ascensore sociale, rigorosamente in entrambi i sensi, che ristabilisca il senso della giustizia sociale e ridia speranza a chi si impegna strenuamente per migliorare la propria condizione, arricchendo sé stesso e il Paese di nuove risorse; 

5. Il contrasto incessante alla naturale tendenza del mercato all’allargamento delle disuguaglianze

PROPOSTE 

Una profonda riforma del sistema fiscale italiano è il punto di partenza per un’efficace politica redistributiva, finalizzata a stimolare la domanda interna di beni e servizi e ad incentivare il mercato del lavoro. 

Ipotesi di lavoro: 

1. La ridefinizione di un più ampio ventaglio di aliquote, che garantiscano una efficace progressività recuperando gettito dai redditi molto elevati; 

2. La tassazione del “reddito familiare” al netto di tutte le spese pagate in forma digitale, magari in percentuale diversa in relazione al tipo di spesa o al livello del reddito; questo stimolerebbe le spese certificate, contrasterebbe il lavoro nero, l’elusione e l’evasione fiscale. Il minor gettito IRPEF verrebbe compensato dal recupero IVA e dall’incremento sui consumi; 
3. Il recupero della potestà impositiva sui giganti del web, con riferimento al business prodotto sul territorio nazionale; 

4. La reimpostazione di adeguate imposte di successione; Einaudi, che era un liberale, sosteneva che il patrimonio ereditato dovesse ritornare alla collettività nell’arco di tre generazioni (“Lezioni di politica sociale”). Oggi sembrano addirittura contrarie le forze di sinistra; 

5. Il ripristino del reato di falso in bilancio: troppe imprese sfruttano l’assenza di regole e controlli per elusione fiscale, caricando i bilanci di costi impropri al fine di minimizzare gli utili imponibili; 

6. La revisione del bilancio di impresa, disincentivando la detraibilità delle spese per uso promiscuo (auto aziendali di lusso, telefonia mobile, carburanti, spese di rappresentanza, altre...) e incentivando la detraibilità di spese ambientali e sociali (tessere annue di abbonamento ai mezzi pubblici per i dipendenti; creazione di asili nido prossimi ai luoghi di lavoro nelle zone ad alta densità di uffici, altre...) 

CONCLUSIONI 

Il Partito Democratico nasce da un disegno visionario e condivisibile: riunire le varie anime progressiste e riformatrici di questo Paese. Raccogliere l’importante eredità di grandi partiti popolari. Sintetizzare ideali e valori che hanno caratterizzato le lotte e le conquiste democratiche del Novecento e proiettarle nel nuovo secolo. Declinare nuove istanze popolari nel mondo interconnesso. Temperare le distorsioni del sistema capitalistico globalizzato e studiare nel frattempo come superarlo, avendo come punto di riferimento il maggior grado di uguaglianza possibile delle condizioni di partenza, e l'eliminazione di ogni privilegio che non abbia ragion d'essere in una comunità che si affidi a regole comuni di convivenza civile. 

Il Partito Democratico può vivere solo se è riformista. L'unica cosa che deve conservare è il coraggio. Il coraggio di guardare le cose che non vanno e denunciarle pubblicamente, impegnandosi a correggerle. Il coraggio di ammettere le proprie mancanze e sforzarsi di fare meglio, passando il testimone a nuove generazioni, a nuove idee, a nuovi slanci di ideali e passioni civili, spesso sopiti o cinicamente utilizzati in chi da tanti anni si trova al timone senza ancora aver portato il veliero in nessun porto. 

Il Partito Democratico assorbe e riassume in sé i grandi ideali e valori che hanno ispirato la Storia dell'affrancamento dell'uomo dal giogo del servaggio e della sottomissione. Ha fra le labbra, e le ripete sottovoce, le parole che nella storia dei popoli hanno risvegliato e animato il coraggio della disperazione, la lotta alle ingiustizie e ai soprusi. Da quelle della Rivoluzione francese a quelle della dichiarazione d'indipendenza americana. Dalla dichiarazione dei diritti dell'uomo al Manifesto di Ventotene. Deve sempre chiedersi se il suo agire e i suoi attori siano all'altezza di quegli ideali e valori. Deve sempre saper riconoscere il tiranno da abbattere e domandarsi ogni giorno se non lo stia diventando esso stesso. Perché il tiranno esiste ancora. Anche nel nuovo secolo. Non si chiama più sovrano, duce, fuhrer, padrone. Ha nomi più complessi, è meno visibile, si alimenta sulla rete, non vive in uno stato solo, ma crea sudditi nel mondo. Ingigantisce le disuguaglianze. Soffoca le speranze e i sogni di riscatto. Fomenta le paure, accresce l’ansia per il futuro, alimenta la rabbia contro tutto e tutti, minando le fondamenta di ogni convivenza civile. 


Il compito che la aspetta, che ci aspetta, è enorme. Siamo convinti che, a seguito della sua esperienza personale degli ultimi sette anni, lei sappia quanto le sia necessario un importante contributo di idee, soprattutto dal mondo più a contatto con la realtà. 
Con questo spirito, e con tutto l’amore per quel che facciamo e in cui crediamo, desideriamo contribuire alla rigenerazione di questo Partito. Per noi. Per i nostri figli. Per il futuro di questo Paese. 

Buon lavoro. 

Giorgio Alessandrini 
Partito Democratico 
Segreteria Provinciale di Piacenza 

___________________________________
Inviata il 16 marzo 2021


P.S. 29 giugno 2021: Repubblica e il Manifesto pubblicano articoli su una proposta del PD contro il trasformismo dei parlamentari.


Visualizzazioni: 1978
Inserisci un commento
Commento
Nickname
Voto
Nessuno 1 2 3 4 5
Codice di controllo
Digita il codice di controllo
Digita il codice di controllo
Pagine correlate
  • 124 voli di Stato per madame Casellati Serbelloni-Mazzanti-Viendalmare
    La paura Fa(lcon) 900 !
    124 voli di Stato in undici mesi per andare a casa e fare le vacanze. Siete arrabbiati? Che vi aspettavate? Il genere umano che eleggiamo in qualsiasi organo rappresentativo è esattamente uguale al popolo. Furbetto e arraffone
    Pubblicata il:29/04/2021
    Commenti
    0
  • 2010: il mio appello a Bersani
    Sulla roccia non esiste spazio per barare, o trucchi per sembrare quello che non sei
    I democratici hanno la splendida opportunità di chiamare a raccolta gli italiani per ricostruire la nazione proponendo un progetto nuovo, attraverso scelte nette e non equivoche, in cui le parole lavoro, responsabilità, sicurezza, riforme ...
    Pubblicata il:29/01/2012
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • 9 maggio 1978 - Il delitto Moro
    Avevamo solo 18 anni, ma che fosse Storia lo sapevamo già allora.
    Pubblicata il:09/05/2021
    Commenti
    0
  • Addio Pablito, grazie!
    La scomparsa di Paolo Rossi.
    Pubblicata il:10/12/2020
    Commenti
    0
  • Anastasio, il penultimo dei Mohicani..
    L'imbarazzante mail di Claudio Anastasio
    Il discorso alla Camera di Mussolini del 3 gennaio del 1925 è considerato dagli storici l'inizio della dittatura fascista.
    Pubblicata il:14/03/2023
    Commenti
    0
  • Biot traditore
    Gli agi acquisiti considerati irrinunciabili. Giustificazioni che rivelano inconsistenza e educazione approssimativa, come tante altre se ne vedono tutti i giorni, ma stonate se provenienti da chi “ha servito il Paese”. Nel bisogno le case si vendo
    Pubblicata il:02/04/2021
    Commenti
    1
  • Bonaccini contro liste bloccate
    Mi fa piacere che Stefano Bonaccini si sia espresso così chiaramente a favore della eliminazione delle liste bloccate. È in ritardo di 10 anni, ma meglio tardi che mai.
    Pubblicata il:06/02/2022
    Commenti
    0
  • Che noia: ancora fuoriusciti dal PD!
    La prima cosa che il Partito Democratico deve garantire è quella di candidare persone che abbiano la dignità di restare nel partito che li ha fatti eleggere. E se proprio non ce la fanno, di dimettersi a favore del primo dei non eletti.
    Pubblicata il:22/10/2019
    Commenti
    0
  • Chi ce l'ha più lungo
    Questo “misurarsi chi ce l’ha più lungo” contando la gente in piazza è desolante, e mi piacerebbe che il mio partito non ci giocasse
    Pubblicata il:01/10/2018
    Commenti
    0
  • Come perdere elezioni imperdibili
    Come mai, in un paese di 334milioni di abitanti, il partito democratico americano è riuscito a contrapporre un settantasettenne senza particolare carisma al più ridicolo e inadeguato (e ce ne sono stati tanti) presidente della storia degli Stati Un
    Pubblicata il:04/11/2020
    Commenti
    0
  • Confidare in Bersani?
    Non si può dare solo la colpa a Berlusconi
    Se gli attuali notabili non saranno disposti a lavorare per il partito e per il paese anche da posizioni non di prima fila, allora vorrà dire che perseguono solo i propri interessi, e quindi non c'è più bisogno di loro.
    Pubblicata il:09/10/2012
    Commenti
    0
  • Considerazioni sulla sconfitta alle comunali e sulla salute del Partito Democratico
    A qualche mese dall'esito sfavorevole delle elezioni comunali, è il momento di qualche nuova riflessione a mente fredda
    Pubblicata il:04/12/2017
    Voto
    5
    Commenti
    1
  • Cosa cambierà dopo l'invasione dell'Ucraina
    Per non cadere nel baratro di nuove guerre, non mi sembra che ci siano altre alternative che correre più veloce. Più cultura, più saperi, più abilità, più tecnologia. Più futuro.
    Pubblicata il:06/03/2022
    Commenti
    0
  • Dal discorso del Lingotto
    Le ragioni istitutive del Partito Democratico
    Lo riscrivo, perché sembra che ci sia bisogno di ripeterlo. Per quanto possa sembrare ingenuo, io attribuisco valore a queste parole, usate alla nascita del PD. Non credo a molte delle persone che nel PD ...
    Pubblicata il:15/02/2017
    Commenti
    0
  • Diluvi
    La pioggia era così intensa e scrosciante che copriva il rumore del passaggio delle poche auto nella via. Era una sera fredda, che invitava al tepore e alle letture in poltrona. Si affacciò alla finestra e guardò fuori. Le gocce grosse e pesanti
    Pubblicata il:16/12/2020
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Elezioni regionali 2020 e taglio dei parlamentari
    Ora ripristiniamo le prerogative del Sovrano
    Il risultato delle regionali lascia più sollevati che contenti. Penso però che non ci sia troppo da cantar vittoria. In Toscana, Puglia e Campania le destre ci hanno fatto un regalo, con candidati non all’altezza o ricicloni indigeribili. Trovare
    Pubblicata il:22/09/2020
    Commenti
    0
  • Forum per l'Italia
    Partito Democratico, Milano 27-28 ottobre 2018
    Oggi è sembrato un partito vero. Come sempre quando non è una passerella di galletti. Grande il Presidente Sanchez.
    Pubblicata il:27/10/2018
    Commenti
    0
  • Forza segretario, possiamo fare meglio!
    Letta e le nuove proposte elettorali
    Anche se ormai dispero di essere ascoltato, come militante considero questo tipo di comunicazione un errore politico ed economico.
    Pubblicata il:14/08/2022
    Commenti
    0
  • Grazie Sig. Primo Ministro
    Edi Rama ricambia il nostro aiuto
    Il premier albanese Edi Rama manda 30 medici e infermieri in Italia per dare una mano, sentendo il desiderio di ricambiare i nostri aiuti negli anni 90, quando loro espatriavano per sopravvivere alla fame.
    Pubblicata il:29/03/2020
    Commenti
    0
  • I Morti di Bergamo
    Cosa ci direbbero
    "Cosa ci direbbero i morti di Bergamo" Forse, Renzi, avrebbero potuto dirti questo: "Più velocemente si scivola, meno appigli si trovano per fermare la caduta." 1 maggio 2020
    Pubblicata il:01/05/2020
    Commenti
    0
  • Il clamoroso errore di Michel
    Sono doverose le sue dimissioni
    Il clamoroso errore del Presidente del Consiglio Europeo, il belga Charles Michel, davanti ad Erdogan
    Pubblicata il:07/04/2021
    Commenti
    0
  • Il nuovo feudalesimo
    Mail alla Segretaria del Partito Democratico
    Quindi, Elly, che Italia ed Europa vogliamo? Che ce ne facciamo di una società in cui la ricchezza prodotta non viene equamente ripartita? È questa la intollerabile realtà che difendiamo?
    Pubblicata il:24/08/2023
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Il Partito Democratico e le sfide del nuovo governo
    La nuova coalizione di governo tra M5S e PD nata dopo il clamoroso errore tattico di Salvini potrebbe non avere vita facile, ma potrebbe anche rivelarsi un’opportunità. Molto dipenderà dall’intelligenza e dalla capacità di visione dei loro leaders.
    Pubblicata il:15/09/2019
    Commenti
    0
  • Il Premier "eletto dal popolo"
    La riforma istituzionale proposta da Meloni
    Il disegno di legge costituzionale per l’introduzione dell’elezione diretta del Presidente del Consiglio dei ministri è un guazzabuglio da cestinare immediatamente
    Pubblicata il:10/11/2023
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Intervento su crisi PD dopo le elezioni politiche 2013
    Nei momenti di difficoltà diventa più importante il contributo di ognuno di noi.
    Vale la pena ricordarlo: il popolo italiano non teme affatto le difficoltà di un’impresa ardua, ma resta immobile per diffidenza verso chi non sa dare l’esempio.
    Pubblicata il:07/05/2013
    Commenti
    0
  • La beffa per i lavoratori dipendenti e pensionati
    La riforma fiscale del governo Draghi e invece l’equità.
    Il MEF pubblica dati sulle entrate tributarie e sulle dichiarazioni annuali per le diverse categorie di imposta. Con fogli excel e un po’ di pazienza ne ho analizzato gli andamenti degli ultimi 20 anni.
    Pubblicata il:23/12/2021
    Voto
    5
    Commenti
    1
  • La cartolina
    Equivoci della tecnologia
    Racconto surreale degli equivoci in cui si può incorrere nell'era digitale.
    Pubblicata il:06/11/2021
    Voto
    5
    Commenti
    1
  • La destra ripropone la flat tax. Ancora...
    Senza vergogna Berlusconi propone il 23% e Salvini addirittura il 15%
    Nelle assurde proposte politiche di questa destra esiste in realtà un filo conduttore comune. L’idea che il pianeta non basti per tutti, e solo i più forti abbiamo il diritto di sfruttarlo e depredarlo come meglio possono. Gli altri si fottano.
    Pubblicata il:24/08/2022
    Commenti
    0
  • La politica dello spauracchio
    Elogio di bandiera rossa
    Mi fa sorridere prendere le difese del canto di “bandiera rossa”. Andavo a lezione all’università di Roma, La Sapienza, quando i rossi portavano l’eskimo e io giravo con il Giornale di Montanelli in mano, tanto per far capire la distanza.
    Pubblicata il:18/09/2019
    Commenti
    0
  • La proposta di legge Fiano contro l'apologia del fascismo
    Da militante del Partito Democratico, il mio pensiero sulla legge Fiano inizia con una domanda: questa legge rappresenta un segnale di forza o di debolezza del PD? Sarebbe questa la risposta? La legge Fiano?
    Pubblicata il:13/09/2017
    Voto
    5
    Commenti
    11
  • La riforma fiscale è sulla bocca di tutti. Ma quale?
    E il PD cosa sceglie?
    Quando i redditi sono bassi, il loro aumento produce un aumento dei consumi maggiore di quello che si avrebbe aumentando dello stesso importo redditi già alti
    Pubblicata il:13/07/2020
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • La sconfitta del Partito Democratico: un commento sulle elezioni del 4 marzo.
    “Il risentimento popolare verso l’inconcludenza della classe politica, unita agli insopportabili privilegi e alla mancanza di legittimazione popolare dovuta ad una sciagurata legge elettorale che fa scegliere gli eletti al capo, acuiscono il deside
    Pubblicata il:12/03/2018
    Voto
    4
    Commenti
    0
  • La spregevole usanza di cambiare casacca senza dimettersi
    L'autorevolezza si conquista solo con l'esempio, non con le parole.
    Gli eletti che lasciano un partito senza dimettersi da parlamentari temo che non abbiano più nulla di importante da dirmi.
    Pubblicata il:04/11/2015
    Commenti
    0
  • La tassa di successione di Letta
    Sulla comunicazione abbiamo ampi margini di miglioramento!
    Pubblicata il:21/05/2021
    Commenti
    0
  • Le dimissioni di Zingaretti
    Stanno esplodendo tutte le contraddizioni irrisolte di questo partito. Dalla mancanza di una chiara linea politica alla autoreferenzialità di una classe dirigente che sembra vivere sulla luna. Probabilmente ci faremo molto male..
    Pubblicata il:04/03/2021
    Commenti
    0
  • Le mozioni di sfiducia a Bonafede
    Un rito senza significato che compatta la maggioranza
    Che vi aspettavate? Grillo vi ha martellato la testa per anni, inculcando nei semplici l’idea che chiunque sarebbe stato meglio dei politici e dei competenti; anche la Sciura Cesira.
    Pubblicata il:20/05/2020
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Le parole che non ti ho detto
    Nella città ferma per l’epidemia, il rumore di fondo era scomparso. Le orecchie si riabituavano al silenzio, e dai balconi soleggiati si iniziavano a percepire suoni insoliti e distanti. Il pianto di un bambino nel caseggiato di fronte. I latrati d
    Pubblicata il:15/03/2020
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Lettera aperta al segretario Zingaretti
    Lettera aperta al Segretario del Partito Democratico Buongiorno Segretario, mi chiamo Giorgio Alessandrini e sono un iscritto di Piacenza, città in via di ripartenza dopo essere stata duramente provata dall’esplosione del contagio. Le scrivo perch...
    Pubblicata il:08/06/2020
    Commenti
    0
  • Liste bloccate
    Non è tempo di garantire un seggio ai notabili di partito
    Temo che ci sia un'altra cosa più perdente di garantire ancora una poltrona a rosi bindi, ed è quella di giustificarsene con l'argomentazione che negli altri partiti si fa ben di peggio.
    Pubblicata il:19/12/2012
    Commenti
    0
  • Liste bloccate e autorevolezza
    Le liste elettorali bloccate tolgono ogni autorevolezza ai leader e al partito
    Perché mai dovremmo infatti ascoltare uno che si autodefinisce leader...
    Pubblicata il:03/08/2012
    Commenti
    0
  • Litigare sul nulla?
    Ancora una sconfitta alle comunali
    Avrei preferito stare zitto. Tanto questo partito non sta ad ascoltare. Ma visto che dopo l’ultima sconfitta riparte l’immancabile farsa di nascondere lotte tra persone dietro fragili e improbabili diatribe sui contenuti, dirò il mio modesto parere
    Pubblicata il:30/05/2023
    Commenti
    0
  • Ma quale potrà mai essere la matrice?
    Anche se il fatto che alle manifestazioni no-vax spuntino sempre fuori i fascisti ha pur sempre un significato, distinguerei. I primi mi sembra che abbiano un problema di percezione della realtà. I secondi di legalità.Le loro formazioni vanno sciol
    Pubblicata il:10/10/2021
    Commenti
    0
  • Manifesto per un'umanità più felice
    RIFLESSIONI E PROPOSITI IN VISTA DEL CONGRESSO NAZIONALE DEL PARTITO DEMOCRATICO
    C’è un incendio che divampa in Europa. Alimentato da un forte vento di rabbia e rancore. L’unica acqua che potrà spegnerlo sarà prendersi cura delle persone. Prendersi cura è l’unica forma per ricreare una comunità di luoghi e di prossimità...
    Pubblicata il:04/12/2018
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Mattia Santori con le Sardine a Piacenza
    Questi ragazzi manifestano contro un modo di fare, e soprattutto di intendere, la politica. Un modo tanto urlato e sguaiato quanto inconcludente e dannoso. C’è qualcosa di male in questo? Non mi sembra. Anzi, il fatto che le piazze si riempiano ci
    Pubblicata il:28/11/2019
    Commenti
    0
  • Non ci sono alternative al Partito Democratico
    Il progetto di unificare tutte le forze democratiche e progressiste è sempre valido.
    In questi ultimi due mesi, se ancora ne avevamo dubbi, abbiamo definitivamente compreso che questo progetto è troppo ambizioso e coraggioso per leader sfibrati da decenni di politiche inconcludenti...
    Pubblicata il:21/04/2013
    Commenti
    0
  • Non è maschilismo, Signora De Biase
    Alcuni sono più uguali degli altri
    Come nella Fattoria degli animali di Orwell, il sistema delle candidature al Parlamento rende alcuni cittadini più uguali degli altri.
    Pubblicata il:11/08/2022
    Voto
    5
    Commenti
    2
  • Non vado, o vado e faccio casino?
    Mi si nota di più se vado..
    Paradossalmente, l’amica Katia ha fatto bene a fare quell’intervento in assemblea. Non tanto per il contenuto, già noto a tutti e soprattutto al nostro elettorato. Ma perché evidenzia in modo plateale un problema di funzionamento del partito:...
    Pubblicata il:20/11/2018
    Commenti
    0
  • Pandemia e crisi economica
    Nelle situazioni estreme, si possono affrontare nodi irrisolti e prendere decisioni trascinatesi senza costrutto per decenni. Abbiamo l’incredibile occasione di trasformare la tragedia in una nuova ricostruzione.
    Pubblicata il:04/04/2020
    Commenti
    0
  • Paola Egonu
    Se il Pd è alla ricerca di simboli, Paola Egonu è uno dei più potenti.
    Pubblicata il:15/10/2022
    Commenti
    0
  • Partecipazione civile al Partito Democratico
    Guardo il Partito Democratico dal suo interno, per ora senza essere ancora iscritto.
    Nella desolazione dei populismi dei movimenti a conduzione personalistica, il PD è l'unico in grado di riconiugare una politica economica non liberista ma sicuramente liberale, con le esigenze di equità e redistribuzione della ricchezza nel paese..
    Pubblicata il:16/11/2012
    Commenti
    0
  • Partito Democratico: un pensiero nuovo per questo Paese
    Un popolo che perde la speranza si nutre di rabbia, credendola ragione.
    Il ceto medio, che si è espanso nella seconda metà del secolo dando linfa alla democrazia del confronto, nel mondo globalizzato si va impoverendo. Le sue opportunità, le sue speranze e le sue conquiste sociali si vanno sempre più assottigliando..
    Pubblicata il:08/10/2016
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • PD: La farsa di un non-congresso
    Può una classe politica di centrosinistra in parlamento da più di vent'anni, molti dei quali al governo, indicarci oggi soluzioni come se non fosse essa stessa la responsabile dell'inazione e degli errori commessi? Con quale credibilità?
    Pubblicata il:02/12/2022
    Commenti
    0
  • Proibire le chiamate da call center
    Le chiamate dai call center ai numeri di casa per proporre nuovi contratti di energia, gas, telefonia e carta igienica dovrebbero essere proibite dalla legge. Se fatte sui cellulari, andrebbero aggiunte anche le frustate in piazza.
    Pubblicata il:16/12/2020
    Commenti
    0
  • Recensioni: Cambiare l'acqua ai fiori
    Recensioni: Cambiare l’acqua ai fiori Valérie Perrin, edizioni e/o. Josephine Hart aveva scritto: chi ha subìto un danno è pericoloso, sa di poter sopravvivere. Valérie Perrin racconta le conseguenze del dolore dal cuore della protagonista. Un viag
    Pubblicata il:12/10/2021
    Commenti
    0
  • Recovery Fund e strategie di ripresa
    L’orizzonte, però, bisogna sceglierlo. E il dibattito politico dovrebbe vertere su questo. I confronti pubblici dovrebbero essere orientati ad una condivisione della meta..
    Pubblicata il:01/06/2020
    Commenti
    0
  • Referendum sulla riduzione dei parlamentari
    Sono favorevole, ecco perché:
    Sebbene il PD sembri incline ad orientare il voto al referendum sulla riduzione del numero dei parlamentari verso il no, io sono dello stesso parere del Presidente Bonaccini, che si è dichiarato favorevole. E ne spiego i motivi. La motivazione addo
    Pubblicata il:07/08/2020
    Commenti
    0
  • Renzi come John?
    Il problema di tornare ad essere uno qualsiasi.
    Io Renzi un po’ lo capisco. A quarant’anni era arrivato alla presidenza del consiglio, come John Kennedy arrivò alla Casa Bianca. John era il suo modello e ora non si capacita, poverino. Gli tocca ascoltare Conte, e quell’imbecille di Di Maio, e po
    Pubblicata il:03/11/2019
    Voto
    5
    Commenti
    1
  • Riflessioni sui congressi del Partito Democratico
    Agli Italiani non servono facili promesse, serve un difficile futuro da inseguire
    Resistere oggi significa conservare, mostrarsi incapaci di idee nuove. Idee che profumino di verità. Che sappiano emozionare. Che sappiano volare come aquile verso le cime più ardite, e non volteggiare come mosche sopra la melma e i rifiuti.
    Pubblicata il:07/08/2013
    Commenti
    0
  • Un nuovo percorso di riflessione per il Partito Democratico.
    Se possiamo trarre un insegnamento da questa sconfitta, a me sembra questo: non risulta efficace un’asettica politica delle cose concrete da fare, se esse non volgono tutte verso una strada definita e tracciata da percorrere con un popolo.
    Pubblicata il:20/04/2018
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Una voce che ci scopre e denuda
    Quale sete plachiamo quando incontriamo una voce che penetra la nostra anima e si addentra velocemente nei suoi più nascosti meandri come se ne avesse le chiavi
    Pubblicata il:10/12/2020
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Virus letale
    Ci ha colto impreparati
    Una prima cosa credo si possa dirla: eravamo del tutto impreparati. Non solo noi italiani. Tutti. A noi è toccata solo la sventura di essere i primi investiti dall’onda; e quindi gli altri, se ci osservano, hanno la possibilità di correggere il ti...
    Pubblicata il:20/03/2020
    Voto
    4
    Commenti
    0

Giorgio Alessandrini

Analista dati delle politiche per il lavoro per la Regione Emila-Romagna. Ex funzionario amministrativo di INA-Assitalia, poi Generali. Appassionato delle vette e del mare; di emozioni; della vita. E di politica come strumento di risoluzione dei problemi reali.

© Giorgio Alessandrini 2017
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
- A +