venerdì 23 febbraio 2024

La tassa di successione di Letta

La tassa di successione di Letta

Direi che sulla comunicazione abbiamo ampi margini di miglioramento. Appena si era insediato, avevo scritto al nuovo segretario Letta sostenendo la necessità di una riforma fiscale e ricordando, tra le altre proposte, che l’economista Einaudi sosteneva che il patrimonio ereditato dovesse ritornare alla comunità nell’arco di tre generazioni. (Suggerimenti per Enrico Letta)

Sicuramente Letta, o chi per lui, non avrà neanche dato un’occhiata alla mia mail. Ma il caso vuole che la prima proposta in tema fiscale sia proprio una tassa di successione che, nonostante lo scopo nobile e la definizione di un target impositivo limitato e ben delineato, sembra fatta apposta per farsi martellare sulle dita, come infatti è avvenuto.

Sembra una banalità, ma occorre dirlo: se il Partito Democratico si è finalmente convinto della necessità di una riforma fiscale, il primo errore da evitare è quello di presentarla in pillole, perché ogni singola proposta, scorporata dalla visione generale, verrebbe facilmente impallinata da avversari politici e singole categorie colpite, producendo uno stillicidio di critiche che renderebbe inattuabile la riforma nel suo complesso.

Lo scopo della riforma fiscale non è quello di reperire risorse per singoli interventi, temporanei o duraturi che siano. Ciò che bisogna prefiggersi e, soprattutto, illustrare con chiarezza Ã¨ la drastica riduzione del reddito imponibile per i ceti medio-bassi e medio-alti, cioè la stragrande maggioranza dei ceti produttivi del paese.

Tale obbiettivo è nello stesso tempo fiscale e monetario, oltre a rispondere ad evidenti criteri di equità in un mondo che negli ultimi decenni ha registrato il continuo allargarsi le disuguaglianze e della distanza tra i pochissimi sempre più ricchi e le masse sempre più in difficoltà.

È fiscale perché sposta il peso del sistema tributario dall’imposizione sul reddito a quella sul consumo. Ridefinisce aliquote progressive che favoriscano i ceti più deboli a leggero svantaggio dei più ricchi, che saranno certamente penalizzati, ma non abbastanza da non rendere sempre stimolante e conveniente il raggiungimento di più elevati livelli di reddito e benessere. Infine, porta finalmente ad una drastica riduzione dell’evasione e dell’elusione, redistribuendo il carico del gettito Irpef, che oggi grava per l’85% sulle spalle di lavoratori dipendenti e pensionati.

È monetario perché la riduzione del reddito imponibile, attraverso la detraibilità delle spese elettroniche, aumenta la liquidità disponibile nei ceti con più alta propensione al consumo, stimola la domanda di beni incrementando il gettito Iva, scoraggia la diffusione del lavoro nero (se posso scaricare tutto lo stipendio della colf, la metto in regola) favorendo garanzie e contribuzione dei lavoratori precari, diminuisce gli abusi sul reddito di cittadinanza e quindi il fabbisogno di copertura economica.

Naturalmente, prima di presentare una proposta di riforma fiscale, bisogna fare i conti. Si tratta di effettuare proiezioni di quanta parte di gettito fiscale si ritiene che verrà a mancare in conseguenza della riduzione dei redditi imponibili, e quantificare le entrate alternative derivanti dalle conseguenze di tale riduzione: recupero da evasione ed elusione, maggior gettito iva, maggiori entrate da aumento aliquote sui redditi altissimi, nuove tasse di successione sui grandi patrimoni.

Per me, una riforma fiscale la si presenta così. A prova del livello mentale di Salvini.

_____________________________________

Giorgio Alessandrini, 21 maggio 2021


Visualizzazioni: 1467
Inserisci un commento
Commento
Nickname
Voto
Nessuno 1 2 3 4 5
Codice di controllo
Digita il codice di controllo
Digita il codice di controllo
Pagine correlate
  • “Ceti medi di tutto il mondo, unitevi!”
    Commento al Rapporto Oxfam 2023 sulla distribuzione della ricchezza
    Nel 1987 Margaret Thatcher affermò che «non esiste la società. Esistono gli individui, uomini e donne, e le famiglie». Una delle più grandi farneticazioni del ventesimo secolo. Che rispecchiava però la tendenza da parte del capitale, negli anni 80,
    Pubblicata il:02/02/2024
    Commenti
    0
  • 2010: il mio appello a Bersani
    Sulla roccia non esiste spazio per barare, o trucchi per sembrare quello che non sei
    I democratici hanno la splendida opportunità di chiamare a raccolta gli italiani per ricostruire la nazione proponendo un progetto nuovo, attraverso scelte nette e non equivoche, in cui le parole lavoro, responsabilità, sicurezza, riforme ...
    Pubblicata il:29/01/2012
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • 9 maggio 1978 - Il delitto Moro
    Avevamo solo 18 anni, ma che fosse Storia lo sapevamo già allora.
    Pubblicata il:09/05/2021
    Commenti
    0
  • Anastasio, il penultimo dei Mohicani..
    L'imbarazzante mail di Claudio Anastasio
    Il discorso alla Camera di Mussolini del 3 gennaio del 1925 è considerato dagli storici l'inizio della dittatura fascista.
    Pubblicata il:14/03/2023
    Commenti
    0
  • Biot traditore
    Gli agi acquisiti considerati irrinunciabili. Giustificazioni che rivelano inconsistenza e educazione approssimativa, come tante altre se ne vedono tutti i giorni, ma stonate se provenienti da chi “ha servito il Paese”. Nel bisogno le case si vendo
    Pubblicata il:02/04/2021
    Commenti
    1
  • Bonaccini contro liste bloccate
    Mi fa piacere che Stefano Bonaccini si sia espresso così chiaramente a favore della eliminazione delle liste bloccate. È in ritardo di 10 anni, ma meglio tardi che mai.
    Pubblicata il:06/02/2022
    Commenti
    0
  • Come perdere elezioni imperdibili
    Come mai, in un paese di 334milioni di abitanti, il partito democratico americano è riuscito a contrapporre un settantasettenne senza particolare carisma al più ridicolo e inadeguato (e ce ne sono stati tanti) presidente della storia degli Stati Un
    Pubblicata il:04/11/2020
    Commenti
    0
  • Considerazioni sulla sconfitta alle comunali e sulla salute del Partito Democratico
    A qualche mese dall'esito sfavorevole delle elezioni comunali, è il momento di qualche nuova riflessione a mente fredda
    Pubblicata il:04/12/2017
    Voto
    5
    Commenti
    1
  • Cosa cambierà dopo l'invasione dell'Ucraina
    Per non cadere nel baratro di nuove guerre, non mi sembra che ci siano altre alternative che correre più veloce. Più cultura, più saperi, più abilità, più tecnologia. Più futuro.
    Pubblicata il:06/03/2022
    Commenti
    0
  • Elezioni Federali in Germania dal 1930 al 1933
    Quando un popolo perde la speranza si nutre di rabbia, credendola ragione.
    Pubblicata il:15/03/2018
    Commenti
    0
  • Elezioni regionali 2020 e taglio dei parlamentari
    Ora ripristiniamo le prerogative del Sovrano
    Il risultato delle regionali lascia più sollevati che contenti. Penso però che non ci sia troppo da cantar vittoria. In Toscana, Puglia e Campania le destre ci hanno fatto un regalo, con candidati non all’altezza o ricicloni indigeribili. Trovare
    Pubblicata il:22/09/2020
    Commenti
    0
  • Forza segretario, possiamo fare meglio!
    Letta e le nuove proposte elettorali
    Anche se ormai dispero di essere ascoltato, come militante considero questo tipo di comunicazione un errore politico ed economico.
    Pubblicata il:14/08/2022
    Commenti
    0
  • Globalizzazione e concentrazione delle ricchezze: due facce della stessa medaglia
    Il nuovo rapporto Oxfam sulle disuguaglianze nel mondo
    Otto persone posseggono da sole la stessa quantità di ricchezza della metà più povera dell’intera umanità...
    Pubblicata il:20/01/2017
    Voto
    4
    Commenti
    0
  • Il clamoroso errore di Michel
    Sono doverose le sue dimissioni
    Il clamoroso errore del Presidente del Consiglio Europeo, il belga Charles Michel, davanti ad Erdogan
    Pubblicata il:07/04/2021
    Commenti
    0
  • Il nuovo feudalesimo
    Mail alla Segretaria del Partito Democratico
    Quindi, Elly, che Italia ed Europa vogliamo? Che ce ne facciamo di una società in cui la ricchezza prodotta non viene equamente ripartita? È questa la intollerabile realtà che difendiamo?
    Pubblicata il:24/08/2023
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Il Partito Democratico e le sfide del nuovo governo
    La nuova coalizione di governo tra M5S e PD nata dopo il clamoroso errore tattico di Salvini potrebbe non avere vita facile, ma potrebbe anche rivelarsi un’opportunità. Molto dipenderà dall’intelligenza e dalla capacità di visione dei loro leaders.
    Pubblicata il:15/09/2019
    Commenti
    0
  • Il Premier "eletto dal popolo"
    La riforma istituzionale proposta da Meloni
    Il disegno di legge costituzionale per l’introduzione dell’elezione diretta del Presidente del Consiglio dei ministri è un guazzabuglio da cestinare immediatamente
    Pubblicata il:10/11/2023
    Voto
    5
    Commenti
    2
  • Intervento su crisi PD dopo le elezioni politiche 2013
    Nei momenti di difficoltà diventa più importante il contributo di ognuno di noi.
    Vale la pena ricordarlo: il popolo italiano non teme affatto le difficoltà di un’impresa ardua, ma resta immobile per diffidenza verso chi non sa dare l’esempio.
    Pubblicata il:07/05/2013
    Commenti
    0
  • Irpef, chi paga davvero le tasse
    Per ognuno che versa un euro, due non pagano niente
    Quotidianamente ormai, i giornali italiani segnalano le gravi disuguaglianze nella distribuzione della ricchezza e l’iniquità del carico fiscale.
    Pubblicata il:16/01/2024
    Commenti
    0
  • La beffa per i lavoratori dipendenti e pensionati
    La riforma fiscale del governo Draghi e invece l’equità.
    Il MEF pubblica dati sulle entrate tributarie e sulle dichiarazioni annuali per le diverse categorie di imposta. Con fogli excel e un po’ di pazienza ne ho analizzato gli andamenti degli ultimi 20 anni.
    Pubblicata il:23/12/2021
    Voto
    5
    Commenti
    1
  • La cartolina
    Equivoci della tecnologia
    Racconto surreale degli equivoci in cui si può incorrere nell'era digitale.
    Pubblicata il:06/11/2021
    Voto
    5
    Commenti
    1
  • La destra ripropone la flat tax. Ancora...
    Senza vergogna Berlusconi propone il 23% e Salvini addirittura il 15%
    Nelle assurde proposte politiche di questa destra esiste in realtà un filo conduttore comune. L’idea che il pianeta non basti per tutti, e solo i più forti abbiamo il diritto di sfruttarlo e depredarlo come meglio possono. Gli altri si fottano.
    Pubblicata il:24/08/2022
    Commenti
    0
  • La riforma fiscale è sulla bocca di tutti. Ma quale?
    E il PD cosa sceglie?
    Quando i redditi sono bassi, il loro aumento produce un aumento dei consumi maggiore di quello che si avrebbe aumentando dello stesso importo redditi già alti
    Pubblicata il:13/07/2020
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • La sconfitta del Partito Democratico: un commento sulle elezioni del 4 marzo.
    “Il risentimento popolare verso l’inconcludenza della classe politica, unita agli insopportabili privilegi e alla mancanza di legittimazione popolare dovuta ad una sciagurata legge elettorale che fa scegliere gli eletti al capo, acuiscono il deside
    Pubblicata il:12/03/2018
    Voto
    4
    Commenti
    0
  • Le dimissioni di Zingaretti
    Stanno esplodendo tutte le contraddizioni irrisolte di questo partito. Dalla mancanza di una chiara linea politica alla autoreferenzialità di una classe dirigente che sembra vivere sulla luna. Probabilmente ci faremo molto male..
    Pubblicata il:04/03/2021
    Commenti
    0
  • Lettera aperta al segretario Zingaretti
    Lettera aperta al Segretario del Partito Democratico Buongiorno Segretario, mi chiamo Giorgio Alessandrini e sono un iscritto di Piacenza, città in via di ripartenza dopo essere stata duramente provata dall’esplosione del contagio. Le scrivo perch...
    Pubblicata il:08/06/2020
    Commenti
    0
  • Litigare sul nulla?
    Ancora una sconfitta alle comunali
    Avrei preferito stare zitto. Tanto questo partito non sta ad ascoltare. Ma visto che dopo l’ultima sconfitta riparte l’immancabile farsa di nascondere lotte tra persone dietro fragili e improbabili diatribe sui contenuti, dirò il mio modesto parere
    Pubblicata il:30/05/2023
    Commenti
    0
  • Ma quale potrà mai essere la matrice?
    Anche se il fatto che alle manifestazioni no-vax spuntino sempre fuori i fascisti ha pur sempre un significato, distinguerei. I primi mi sembra che abbiano un problema di percezione della realtà. I secondi di legalità.Le loro formazioni vanno sciol
    Pubblicata il:10/10/2021
    Commenti
    0
  • Maurizio Martina a Piacenza
    #MaurizioMartina a Piacenza, con gli ospiti dei sindacati a ragionare sul futuro, sul lavoro, sulle difficoltà delle società moderne nella globalizzazione e nel mondo interconnesso.
    Pubblicata il:11/02/2019
    Commenti
    0
  • Non è maschilismo, Signora De Biase
    Alcuni sono più uguali degli altri
    Come nella Fattoria degli animali di Orwell, il sistema delle candidature al Parlamento rende alcuni cittadini più uguali degli altri.
    Pubblicata il:11/08/2022
    Voto
    5
    Commenti
    2
  • Nuove sfide
    Donne e uomini così, che non si lasciano sedurre da false vanità e rifiutano le scorciatoie
    Se l’Italia non è ancora crollata, è solo perché esiste un Paese che conosce il rigore, il dovere e la dignità. Italiani che non si impegnano per arraffare, ma per guadagnarsi giorno dopo giorno una nuova stima di sé stessi...
    Pubblicata il:31/01/2012
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Paola Egonu
    Se il Pd è alla ricerca di simboli, Paola Egonu è uno dei più potenti.
    Pubblicata il:15/10/2022
    Commenti
    0
  • Partito Democratico: un pensiero nuovo per questo Paese
    Un popolo che perde la speranza si nutre di rabbia, credendola ragione.
    Il ceto medio, che si è espanso nella seconda metà del secolo dando linfa alla democrazia del confronto, nel mondo globalizzato si va impoverendo. Le sue opportunità, le sue speranze e le sue conquiste sociali si vanno sempre più assottigliando..
    Pubblicata il:08/10/2016
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • PD: La farsa di un non-congresso
    Può una classe politica di centrosinistra in parlamento da più di vent'anni, molti dei quali al governo, indicarci oggi soluzioni come se non fosse essa stessa la responsabile dell'inazione e degli errori commessi? Con quale credibilità?
    Pubblicata il:02/12/2022
    Commenti
    0
  • Proibire le chiamate da call center
    Le chiamate dai call center ai numeri di casa per proporre nuovi contratti di energia, gas, telefonia e carta igienica dovrebbero essere proibite dalla legge. Se fatte sui cellulari, andrebbero aggiunte anche le frustate in piazza.
    Pubblicata il:16/12/2020
    Commenti
    0
  • Recensioni: Cambiare l'acqua ai fiori
    Recensioni: Cambiare l’acqua ai fiori Valérie Perrin, edizioni e/o. Josephine Hart aveva scritto: chi ha subìto un danno è pericoloso, sa di poter sopravvivere. Valérie Perrin racconta le conseguenze del dolore dal cuore della protagonista. Un viag
    Pubblicata il:12/10/2021
    Commenti
    0
  • Recovery Fund e strategie di ripresa
    L’orizzonte, però, bisogna sceglierlo. E il dibattito politico dovrebbe vertere su questo. I confronti pubblici dovrebbero essere orientati ad una condivisione della meta..
    Pubblicata il:01/06/2020
    Commenti
    0
  • Suggerimenti per Enrico Letta
    Buongiorno Segretario, I circoli del PD raccolgono con entusiasmo e passione la sfida di una importante opera di rinnovamento del Partito Democratico, finalmente riconosciuta apertamente nella sua relazione
    Pubblicata il:20/03/2021
    Commenti
    0
  • Una voce che ci scopre e denuda
    Quale sete plachiamo quando incontriamo una voce che penetra la nostra anima e si addentra velocemente nei suoi più nascosti meandri come se ne avesse le chiavi
    Pubblicata il:10/12/2020
    Voto
    5
    Commenti
    0

Giorgio Alessandrini

Analista dati delle politiche per il lavoro per la Regione Emilia-Romagna. Ex funzionario amministrativo di INA-Assitalia, poi Generali. Appassionato delle vette e del mare; di emozioni; della vita. E di politica come strumento di risoluzione dei problemi reali.

© Giorgio Alessandrini 2017
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
- A +