venerdì 23 febbraio 2024

2010: il mio appello a Bersani

Sulla roccia non esiste spazio per barare, o trucchi per sembrare quello che non sei

2010: il mio appello a Bersani
Sono reduce dalla scalata alla vetta del Campanile Basso sulle Dolomiti del Brenta. Anche se ne sono un po’ orgoglioso, non è per vantarmi che desidero parlarne, bensì perché ha attinenza con il mio modo di guardare la situazione attuale.
Uno dei motivi per cui affronto le scalate è dato dal fascino di entrare in contatto con quel che c’è di vero nell’uomo.
Il vociare vano e inconcludente che infesta le nostre giornate non giunge a queste altezze, e il silenzioso cammino verso le cime cambia e riequilibra la prospettiva delle nostre vite
. Parole come volontà, sacrificio, resistenza, tenacia, fiducia in te stesso e nel compagno a cui affidi la tua vita, e che a te si affida, assumono un significato più che mai reale. Sulla roccia non esiste spazio per barare, o trucchi per sembrare quello che non sei; se non trovi dentro di te la via per proseguire verso la vetta, devi scendere. Saper accettare la sconfitta con umiltà però ci consente di rinascere e rigenerarci per riaffrontare le nuove sfide della vita.
Con questo spirito osservo con malinconia e disappunto le vicende politiche di oggi, e preferisco un silenzioso ed operoso allontanamento all’impegno di qualche anno fa. Ho aderito alla Lega nel 1990-’91, dopo che la Storia aveva ribaltato l’Europa dell’est e cambiato il mondo. Ho creduto che anche l’Italia si fosse finalmente sbloccata e potesse avviarsi verso la modernità, e ho provato in buona fede l’entusiasmo e l’emozione di fare qualcosa di utile per il cambiamento. Nonostante la reciproca disaffezione, rimango grato alla Lega per l’intensa esperienza umana che mi ha fatto vivere, nell’organizzazione quotidiana del partito sul territorio e come candidato alle elezioni politiche e comunali.
Da allora sono passati vent’anni di politica, in fondo a parlare di nulla e a fare gli interessi di pochi. I toni si sono inutilmente alzati, il livello del dibattito paurosamente impoverito.
Gli italiani vengono indotti a schierarsi come tifosi da una parte o dall’altra sulla base di slogan senza significato mentre i loro problemi si accentuano e marciscono, e gli sciacalli proseguono il saccheggio indisturbati.
Le Istituzioni vacillano sotto le bordate di chi dimostra di non avere nessun senso dello Stato e nessun interesse per la comunitĂ  nel suo complesso, ma solo interessi di categoria o addirittura personali.
Eppure nel cuore degli italiani esiste lo smodato ma sopito desiderio di una nazione normale, dove siano chiari diritti e libertĂ , regole e doveri; una nazione di certezze semplici ed univoche
, senza spazio per i sotterfugi e le piccole irritanti furbizie.
Un Paese che premi i giusti e i meritevoli, i sapienti ed i tenaci, e in cui i furbastri e gli incapaci non vengano promossi, ma rimossi. Dove il sapere, la cultura, la preparazione, l’intelligenza vengano sollecitati e amorevolmente accuditi, perché rappresentano il futuro delle presenti e prossime generazioni. Un Paese che non guardi la ricchezza individuale come un lusso per pochi ma, se desiderato, come un traguardo raggiungibile per tutti, a patto che sia ottenuto con lavoro, onestà, intuizione, capacità e dedizione. Un Paese che consideri intollerabili i comportamenti che ledono gli interessi della comunità e li scoraggi punendoli in modo esemplare e certo, anziché renderli convenienti. Un Paese in cui i lavoratori volenterosi ed intraprendenti non debbano vedersi equiparati agli sfaccendati che si nascondono nelle pieghe dei contratti collettivi, e possano concordare con gli imprenditori sistemi di incentivazione individuale e di gruppo, fino alla partecipazione ai risultati dell’impresa. Un Paese orgoglioso delle proprie tradizioni e della propria storia, e forte di questo sentimento, finalmente capace di un’accoglienza organizzata e ordinata, in cui le nuove e diverse culture si fondono nel rispetto della nostra, arricchendola e consentendone il rinnovo e la crescita.
All’onorevole Bersani, che ha la responsabilità di riorganizzare un’opposizione di cui c’è urgente necessità - anche per stimolare il rinnovamento del centro-destra e arginare la sua deriva populista – rivolgo un appello: gli italiani hanno bisogno di guardare un orizzonte nuovo, luminoso e sgombro, verso cui orientare le incredibili energie che oggi sappiamo esprimere solo in occasione delle catastrofi naturali. I democratici hanno la splendida opportunità di chiamare a raccolta gli italiani per ricostruire la nazione proponendo un progetto nuovo, attraverso scelte nette e non equivoche, in cui le parole lavoro, responsabilità, sicurezza, riforme, doveri, diritti, assumono un significato certo ed immutabile. Disegnare un nuovo Paese e lavorare per crearlo significherà sgombrare il campo dalla spazzatura politica che ci circonda. E per farlo potrebbe anche essere necessario vincere le elezioni con questa assurda e rivoltante legge elettorale, che ha trasferito la sovranità dal popolo ai capipartito, riducendo i parlamentari a servi del capo. Cambiarla prima potrebbe forse portare ad una vittoria, ma sarebbe senza onore. E senza onore non c’è legittimazione. Non vogliamo continuare a sognare per decenni un paese serio e realmente democratico, non vogliamo prefigurarlo per le generazioni che verranno dopo di noi. Lo vogliamo per noi ora, in questa terra e in questo tempo.
E’ giunto quindi il momento di “salire in quota”, e nel silenzio ridefinire le priorità e le prospettive di questo progetto, e poi radunare le energie di questo paese e partire per nuove vette.

Giorgio Alessandrini, 3 settembre 2010

Visualizzazioni: 3696
Inserisci un commento
Commento
Nickname
Voto
Nessuno 1 2 3 4 5
Codice di controllo
Digita il codice di controllo
Digita il codice di controllo


Voto
5
Pagine correlate
  • “Ceti medi di tutto il mondo, unitevi!”
    Commento al Rapporto Oxfam 2023 sulla distribuzione della ricchezza
    Nel 1987 Margaret Thatcher affermò che «non esiste la società. Esistono gli individui, uomini e donne, e le famiglie». Una delle più grandi farneticazioni del ventesimo secolo. Che rispecchiava però la tendenza da parte del capitale, negli anni 80,
    Pubblicata il:02/02/2024
    Commenti
    0
  • Buon 2014!
    Il mio augurio è di un anno con meno volgarità e inconcludenza, fatto di buon senso e di persone che possono guardarsi negli occhi e ...
    Pubblicata il:31/12/2013
    Commenti
    0
  • Buon 2015!
    Il mio pensiero per il nuovo anno
    Auguro a tutti di trovare ogni giorno occasioni per sorridere, offrire parole gentili, usare cortesie. E di considerare questi momenti un sollievo e una ricchezza. Buon anno!
    Pubblicata il:31/12/2014
    Commenti
    0
  • Buon 2016!
    Vi auguro di non perdere il tempo ad arrabbiarvi con la vita, e di provare ad assaporarla intensamente, cercando i momenti degni di essere vissuti e lasciando andare quelli senza valore. Buon anno a tutti.
    Pubblicata il:31/12/2015
    Commenti
    0
  • Buon 2018!
    Il mio augurio per l'anno nuovo è
    Pubblicata il:31/12/2017
    Commenti
    0
  • Buon 2019!
    Se amerete, fatelo follemente. Riempitevi di gioia e trepidazione, e si illumineranno il mondo e le persone circostanti. Se invece vi capiterà di soffrire, vestitevi del sorriso e della compassione, affinché tutti restino ammaliati dalla compostezz
    Pubblicata il:31/12/2018
    Commenti
    0
  • Buon 2021
    La vita di relazione non è solo un diletto, bensì una necessità imprescindibile dell’animo umano. Un bene prezioso di cui avere rispetto e cura quotidiana
    Pubblicata il:01/01/2021
    Commenti
    0
  • Che noia: ancora fuoriusciti dal PD!
    La prima cosa che il Partito Democratico deve garantire è quella di candidare persone che abbiano la dignità di restare nel partito che li ha fatti eleggere. E se proprio non ce la fanno, di dimettersi a favore del primo dei non eletti.
    Pubblicata il:22/10/2019
    Commenti
    0
  • Considerazioni sulla sconfitta alle comunali e sulla salute del Partito Democratico
    A qualche mese dall'esito sfavorevole delle elezioni comunali, è il momento di qualche nuova riflessione a mente fredda
    Pubblicata il:04/12/2017
    Voto
    5
    Commenti
    1
  • Cosa cambierà dopo l'invasione dell'Ucraina
    Per non cadere nel baratro di nuove guerre, non mi sembra che ci siano altre alternative che correre più veloce. Più cultura, più saperi, più abilità, più tecnologia. Più futuro.
    Pubblicata il:06/03/2022
    Commenti
    0
  • Costi della politica e credibilità
    Un paese che deve ridare dignità e speranza a sé stesso e alle nuove generazioni
    ... le uniche persone alle quali daremo ascolto, quando ci chiederanno uno sforzo per risanare e riformare l’Italia, saranno quelle disposte a rinunciare a qualsiasi vantaggio derivante dal loro stato, già acquisito o da acquisire.
    Pubblicata il:13/07/2012
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Da qui alle politiche: cosa ci attendiamo dai partiti
    Domenica il paese ha suonato la campanella dell’ultimo giro. Oltre potrebbe esserci l’abisso.
    Parole come cambiamento, riforme, giustizia, equità, speranza, sviluppo, in bocche che parlano da troppo tempo senza risultati, perdono ogni credibilità, potenza ed efficacia. Diventano grottesche. Attraverso le parole un popolo definisce le sue me
    Pubblicata il:24/05/2012
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Esperienze
    Dedicato alle persone che ci hanno fatto crescere
    Questa notte ritardo al mio appuntamento con le ore del silenzio. Un silenzio che simula quiete ed invece è tuono, e pioggia scrosciante, e vento, e tempesta...
    Pubblicata il:17/11/2015
    Voto
    5
    Commenti
    2
  • Febbre di "purezza"
    Ingenua illusione
    La febbre di "purezza" e cambiamento, il karma che dovrebbe purificare il popolo italiano...
    Pubblicata il:24/05/2014
    Commenti
    0
  • Il filo spezzato
    lo scollamento tra i parlamentari e la gente si fa sempre piĂą ampio e preoccupante.
    E’ evidente che le attuali leadership, di tutti i partiti, non cambieranno né il loro modo di pensare, né il sistema che li garantisce.
    Pubblicata il:19/06/2013
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Il nuovo feudalesimo
    Mail alla Segretaria del Partito Democratico
    Quindi, Elly, che Italia ed Europa vogliamo? Che ce ne facciamo di una società in cui la ricchezza prodotta non viene equamente ripartita? È questa la intollerabile realtà che difendiamo?
    Pubblicata il:24/08/2023
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Il Partito Democratico e le sfide del nuovo governo
    La nuova coalizione di governo tra M5S e PD nata dopo il clamoroso errore tattico di Salvini potrebbe non avere vita facile, ma potrebbe anche rivelarsi un’opportunità. Molto dipenderà dall’intelligenza e dalla capacità di visione dei loro leaders.
    Pubblicata il:15/09/2019
    Commenti
    0
  • Il Premier "eletto dal popolo"
    La riforma istituzionale proposta da Meloni
    Il disegno di legge costituzionale per l’introduzione dell’elezione diretta del Presidente del Consiglio dei ministri è un guazzabuglio da cestinare immediatamente
    Pubblicata il:10/11/2023
    Voto
    5
    Commenti
    2
  • La beffa per i lavoratori dipendenti e pensionati
    La riforma fiscale del governo Draghi e invece l’equità.
    Il MEF pubblica dati sulle entrate tributarie e sulle dichiarazioni annuali per le diverse categorie di imposta. Con fogli excel e un po’ di pazienza ne ho analizzato gli andamenti degli ultimi 20 anni.
    Pubblicata il:23/12/2021
    Voto
    5
    Commenti
    1
  • La politica dello spauracchio
    Elogio di bandiera rossa
    Mi fa sorridere prendere le difese del canto di “bandiera rossa”. Andavo a lezione all’università di Roma, La Sapienza, quando i rossi portavano l’eskimo e io giravo con il Giornale di Montanelli in mano, tanto per far capire la distanza.
    Pubblicata il:18/09/2019
    Commenti
    0
  • La proposta di legge Fiano contro l'apologia del fascismo
    Da militante del Partito Democratico, il mio pensiero sulla legge Fiano inizia con una domanda: questa legge rappresenta un segnale di forza o di debolezza del PD? Sarebbe questa la risposta? La legge Fiano?
    Pubblicata il:13/09/2017
    Voto
    5
    Commenti
    11
  • La sconfitta del Partito Democratico: un commento sulle elezioni del 4 marzo.
    “Il risentimento popolare verso l’inconcludenza della classe politica, unita agli insopportabili privilegi e alla mancanza di legittimazione popolare dovuta ad una sciagurata legge elettorale che fa scegliere gli eletti al capo, acuiscono il deside
    Pubblicata il:12/03/2018
    Voto
    4
    Commenti
    0
  • La spregevole usanza di cambiare casacca senza dimettersi
    L'autorevolezza si conquista solo con l'esempio, non con le parole.
    Gli eletti che lasciano un partito senza dimettersi da parlamentari temo che non abbiano più nulla di importante da dirmi.
    Pubblicata il:04/11/2015
    Commenti
    0
  • La tassa di successione di Letta
    Sulla comunicazione abbiamo ampi margini di miglioramento!
    Pubblicata il:21/05/2021
    Commenti
    0
  • Le dimissioni di Zingaretti
    Stanno esplodendo tutte le contraddizioni irrisolte di questo partito. Dalla mancanza di una chiara linea politica alla autoreferenzialità di una classe dirigente che sembra vivere sulla luna. Probabilmente ci faremo molto male..
    Pubblicata il:04/03/2021
    Commenti
    0
  • Lettera aperta al segretario Zingaretti
    Lettera aperta al Segretario del Partito Democratico Buongiorno Segretario, mi chiamo Giorgio Alessandrini e sono un iscritto di Piacenza, città in via di ripartenza dopo essere stata duramente provata dall’esplosione del contagio. Le scrivo perch...
    Pubblicata il:08/06/2020
    Commenti
    0
  • Liste bloccate
    Non è tempo di garantire un seggio ai notabili di partito
    Temo che ci sia un'altra cosa più perdente di garantire ancora una poltrona a rosi bindi, ed è quella di giustificarsene con l'argomentazione che negli altri partiti si fa ben di peggio.
    Pubblicata il:19/12/2012
    Commenti
    0
  • Liste bloccate e autorevolezza
    Le liste elettorali bloccate tolgono ogni autorevolezza ai leader e al partito
    Perché mai dovremmo infatti ascoltare uno che si autodefinisce leader...
    Pubblicata il:03/08/2012
    Commenti
    0
  • Litigare sul nulla?
    Ancora una sconfitta alle comunali
    Avrei preferito stare zitto. Tanto questo partito non sta ad ascoltare. Ma visto che dopo l’ultima sconfitta riparte l’immancabile farsa di nascondere lotte tra persone dietro fragili e improbabili diatribe sui contenuti, dirò il mio modesto parere
    Pubblicata il:30/05/2023
    Commenti
    0
  • Magie
    Tutti hanno momenti impressi nel cuore..
    Dal momento in cui l'aveva conosciuta, solo pochi giorni prima, si sentiva incamminato verso la gioia...
    Pubblicata il:17/06/2016
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Manifesto per un'umanità più felice
    RIFLESSIONI E PROPOSITI IN VISTA DEL CONGRESSO NAZIONALE DEL PARTITO DEMOCRATICO
    C’è un incendio che divampa in Europa. Alimentato da un forte vento di rabbia e rancore. L’unica acqua che potrà spegnerlo sarà prendersi cura delle persone. Prendersi cura è l’unica forma per ricreare una comunità di luoghi e di prossimità...
    Pubblicata il:04/12/2018
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Mattia Santori con le Sardine a Piacenza
    Questi ragazzi manifestano contro un modo di fare, e soprattutto di intendere, la politica. Un modo tanto urlato e sguaiato quanto inconcludente e dannoso. C’è qualcosa di male in questo? Non mi sembra. Anzi, il fatto che le piazze si riempiano ci
    Pubblicata il:28/11/2019
    Commenti
    0
  • Non ci sono alternative al Partito Democratico
    Il progetto di unificare tutte le forze democratiche e progressiste è sempre valido.
    In questi ultimi due mesi, se ancora ne avevamo dubbi, abbiamo definitivamente compreso che questo progetto è troppo ambizioso e coraggioso per leader sfibrati da decenni di politiche inconcludenti...
    Pubblicata il:21/04/2013
    Commenti
    0
  • Non è maschilismo, Signora De Biase
    Alcuni sono piĂą uguali degli altri
    Come nella Fattoria degli animali di Orwell, il sistema delle candidature al Parlamento rende alcuni cittadini più uguali degli altri.
    Pubblicata il:11/08/2022
    Voto
    5
    Commenti
    2
  • Nuove sfide
    Donne e uomini così, che non si lasciano sedurre da false vanità e rifiutano le scorciatoie
    Se l’Italia non è ancora crollata, è solo perché esiste un Paese che conosce il rigore, il dovere e la dignità. Italiani che non si impegnano per arraffare, ma per guadagnarsi giorno dopo giorno una nuova stima di sé stessi...
    Pubblicata il:31/01/2012
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Nuove strade per la nostra vita
    Ci sono momenti in cui si tratta solo di fare un passo, e nuove strade si apriranno davanti. Forse saranno difficili ed erte, ma che importa? L'entusiasmo della scoperta ...
    Pubblicata il:12/05/2016
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Partito Democratico: un pensiero nuovo per questo Paese
    Un popolo che perde la speranza si nutre di rabbia, credendola ragione.
    Il ceto medio, che si è espanso nella seconda metà del secolo dando linfa alla democrazia del confronto, nel mondo globalizzato si va impoverendo. Le sue opportunità, le sue speranze e le sue conquiste sociali si vanno sempre più assottigliando..
    Pubblicata il:08/10/2016
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Pubblicità comparativa
    Politica e pubblicitĂ  comparativa
    Sappiamo già che le mele degli altri sono marce. Quello che ci interessa è come sono le vostre...
    Pubblicata il:12/12/2012
    Commenti
    0
  • Renzi come John?
    Il problema di tornare ad essere uno qualsiasi.
    Io Renzi un po’ lo capisco. A quarant’anni era arrivato alla presidenza del consiglio, come John Kennedy arrivò alla Casa Bianca. John era il suo modello e ora non si capacita, poverino. Gli tocca ascoltare Conte, e quell’imbecille di Di Maio, e po
    Pubblicata il:03/11/2019
    Voto
    5
    Commenti
    1
  • Riflessioni sui congressi del Partito Democratico
    Agli Italiani non servono facili promesse, serve un difficile futuro da inseguire
    Resistere oggi significa conservare, mostrarsi incapaci di idee nuove. Idee che profumino di verità. Che sappiano emozionare. Che sappiano volare come aquile verso le cime più ardite, e non volteggiare come mosche sopra la melma e i rifiuti.
    Pubblicata il:07/08/2013
    Commenti
    0
  • Ritrovare la strada
    Voglio proprio vedere se riesci a ritrovare la strada. Senza la mappa dei miei occhi, senza l'aiuto delle mie mani. Dopo che gli uccelli hanno mangiato tutte le parole che ho lasciato sul sentiero
    Pubblicata il:20/09/2018
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Saper capire il tempo in cui si vive
    Veltroni almeno ha fiutato l'aria che tira nel paese.
    Veltroni dice che non si ricandida. Molti diranno che era ora. Sarei d'accordo, ma ...
    Pubblicata il:14/10/2012
    Commenti
    0
  • Suggerimenti per Enrico Letta
    Buongiorno Segretario, I circoli del PD raccolgono con entusiasmo e passione la sfida di una importante opera di rinnovamento del Partito Democratico, finalmente riconosciuta apertamente nella sua relazione
    Pubblicata il:20/03/2021
    Commenti
    0
  • Un nuovo percorso di riflessione per il Partito Democratico.
    Se possiamo trarre un insegnamento da questa sconfitta, a me sembra questo: non risulta efficace un’asettica politica delle cose concrete da fare, se esse non volgono tutte verso una strada definita e tracciata da percorrere con un popolo.
    Pubblicata il:20/04/2018
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Virus letale
    Ci ha colto impreparati
    Una prima cosa credo si possa dirla: eravamo del tutto impreparati. Non solo noi italiani. Tutti. A noi è toccata solo la sventura di essere i primi investiti dall’onda; e quindi gli altri, se ci osservano, hanno la possibilità di correggere il ti...
    Pubblicata il:20/03/2020
    Voto
    4
    Commenti
    0

Giorgio Alessandrini

Analista dati delle politiche per il lavoro per la Regione Emilia-Romagna. Ex funzionario amministrativo di INA-Assitalia, poi Generali. Appassionato delle vette e del mare; di emozioni; della vita. E di politica come strumento di risoluzione dei problemi reali.

© Giorgio Alessandrini 2017
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
- A +