domenica 14 luglio 2024

Manifesto per un'umanità più felice

RIFLESSIONI E PROPOSITI IN VISTA DEL CONGRESSO NAZIONALE DEL PARTITO DEMOCRATICO

Manifesto per un'umanità più felice

Osserviamo il nostro mondo e restiamo sgomenti. Un’onda torbida di protesta e rabbia attraversa la società. Le persone si sentono abbandonate a sé stesse e rispondono ringhiando incattivite.

Viene spontaneo chiedersi dove sia finito il senso di comunità e quali siano le ragioni dello stare insieme. Vorremmo rileggere il patto sociale che ci unisce, e non scoprire che non c’è più nessun patto.

Ci chiediamo dove siano la vicinanza e la compassione, la giustizia e l’equità, il rispetto e la condivisione. Se possiamo incontrarci e sorriderci ancora, oppure dobbiamo guardarci come competitori in una terra di tutti contro tutti. E dove e da chi vengano prese le decisioni che influenzano così pesantemente le nostre vite, rendendo tutto così difficile e rubandoci il futuro e la serenità del vivere. 

Infine, che senso abbia un sistema economico consumistico in cui la maggior parte delle masse vive in condizioni di crescente incertezza e precarietà, mentre una sparuta minoranza si arricchisce smodatamente. 

È una società di chi? È una società per noi?

Il Partito Democratico perde credibilità con lotte intestine

La politica sembra inerte e incapace di trovare risposte. La classe dirigente del Partito Democratico dimostra ormai quotidianamente di non aver capito il senso profondo delle domande di un paese che ha smarrito la sua meta

Brucia la sua credibilità - e quella di tutto il partito - perdendosi in lotte intestine su chi sarà il segretario, senza rendersi conto che il suo elettorato non l’ascolta più, avendo da tempo compreso il distacco tra la miseria di una lotta politica finalizzata alle carriere individuali e le grandi incognite e preoccupazioni in cui la globalizzazione e la grande crisi del 2008 hanno gettato i ceti medi e medio-bassi dell’occidente industrializzato.

Il mondo occidentale, profondamente segnato dai totalitarismi del Novecento e portatore di saldi valori di libertà ed emancipazione individuale, ridefinì dopo la guerra il rapporto tra Stato e individuo e rifiorì dal disastro bellico attraverso un nuovo senso di comunità e un sistema economico che appariva in grado di creare ricchezza per tutti. 

Le distorsioni del sistema venivano temperate sia dalla progressiva creazione di un welfare e di uno stato sociale che diffondeva il nuovo benessere verso tutta la popolazione, sia dalla lotta politica e dalle coscienze collettive di classe.

Un capitalismo asettico e spietato

Quel processo di crescita, pur con luci ed ombre, consentì un generale miglioramento della qualità della vita, ma ebbe una svolta gravida di conseguenze nel 1989 con la caduta del muro di Berlino ed il crollo dei regimi comunisti. 

A quel punto, con il prepotente ingresso delle nuove tecnologie informatiche e della rete, un capitalismo più asettico e spietato iniziò a dilagare incontrastato, favorito anche da scelte politiche dissennate e miopi

I nuovi strumenti finanziari (titoli, futures, derivati) consentirono le bolle speculative e gli arricchimenti improvvisi e smodati. Divenne più facile fare rapidamente denaro col denaro che non attraverso la produzione e la vendita di beni sul mercato. 

Internet permise l’accesso in tempo reale a tutte le borse mondiali. I capitali non erano più legati a un territorio. Si spostavano con la velocità di un clic del mouse. Gli investimenti rincorrevano le aree dove avrebbero minimizzato il costo del lavoro e lucrato il maggior profitto.

La globalizzazione ha avuto l’effetto benefico di sollevare dall’indigenza e dall’estrema povertà intere aree del pianeta che apparivano senza speranza (ricordiamo il Brasile, l’India, la Cina, il sud-est asiatico). 

Essa ha però scardinato le fondamenta del mondo occidentale fin qui costruito. 

Ha reso in poco tempo obsolete e fuori mercato conquiste sociali e di lavoro costate anni di lotte e sacrifici. Ha messo in competizione lavoratori di un mondo ad alta qualità di vita con altri che non hanno mai avuto nulla, e sono ben contenti del poco che ricevono.

Chi vive nella vecchia Europa all’improvviso si scopre fragile e indifeso di fronte al futuro

Le grandi impalcature sociali e civili costruite a tutela di tutti si rivelano costose e friabili, e la coscienza della loro utilità sempre più flebile nei pensieri di chi ormai pensa solo a salvare sé stesso e la propria discendenza, con l’animo di chi ammassa provviste e guarda gli altri come una potenziale minaccia.

Un grave allargamento delle disuguaglianze 

Aumentano gli squilibri nel processo di accumulazione dei patrimoni, creando un grave allargamento delle disuguaglianze. Le concentrazioni di capitali che si autoalimentano iniziano a diventare incompatibili con i valori meritocratici e i principi di giustizia sociale su cui dovrebbero fondarsi le società democratiche. 

Percepite come frutto di ingiustificati ed anacronistici privilegi, provocano un sentimento di rabbia e ribellione generale.

Nel nostro paese le famiglie si stanno impoverendo. Diventa sempre più difficile mantenere il passo con i paesi più avanzati. La gente avverte che sono a rischio di cedimento strutture fondamentali; che potremmo non riuscire a rifinanziare il debito pubblico, né a governare il crescente divario economico. 

Sente come sempre più insopportabile l’attuale ordine del potere e un capitalismo finanziario che schiaccia l’individuo, riducendone il valore alla sola misura del denaro di cui dispone.

La politica, ancora organizzata a livello nazionale, si mostra del tutto inadeguata a comprendere e quindi a contrastare un nuovo ordine economico e finanziario sovranazionale le cui fila vengono tenute da una nuova plutocrazia mondiale che si pone al di sopra delle società e non risponde a nessuno del proprio operato.

Accapigliandosi solo per volgari logiche di potere, essa effettua una dichiarazione di impotenza e di resa. È come se ci dicesse espressamente che non è in grado di trovare una soluzione ad un problema che oggi sentiamo tutti con ansia e preoccupazione, e che non riesce neanche ad affrontarlo e parlarne.

La rabbia nei confronti delle classi dirigenti al potere

Per questo motivo ogni votazione diventa ormai l’occasione per esprimere una smisurata rabbia nei confronti delle classi dirigenti al potere e indirizza massicciamente, ma temporaneamente, enormi speranze in soluzioni e leader alternativi, chiunque essi siano, nella disperata ricerca di rassicurazione sul proprio futuro.

La politica non può abdicare al compito di capire in che direzione va il mondo e di offrire alle popolazioni una meta da inseguire per tutti

Ed è chiaro che non potrà affrontarlo attraverso il battibecco volgare quotidiano che finirà per travolgerla. Dovrà recuperare dignità e autorevolezza, per affrontare un tema che riguarda italiani ed europei e che potrà essere risolto solo con soluzioni sopranazionali.

Mancanza di visione e carenza di risposte 

Il Partito Democratico deve rifiutare l’attuale dibattito politico interno, meschino, miserabile, autoreferenziale e scollegato dalla realtà sociale ed economica di questo paese. 

Deve prendere atto di aver avuto mancanza di visione e carenza di risposte.  Deve incamminarsi sui sentieri che lo allontanano dal vociare vano e inconcludente, per ascoltare nel silenzio l’urlo profondo di questo paese e osservare un orizzonte più lontano. Deve cercare un nuovo percorso per la nostra comunità ed un futuro per la nostra civiltà.

Deve riaffermare questa semplice e incontrovertibile verità: che non possono essere i sistemi economici e la finanza mondiale a decidere la sorte delle nostre vite

Non possono essere pochi e potenti ma invisibili manovratori a decretare la nostra serenità o angoscia, alzando o abbassando il pollice come gli imperatori dell’antica Roma.

Una società sana è quella che cresce tutta insieme, pur nelle differenze delle capacità individuali, del merito, della volontà e della tenacia, che devono sempre trovare la giusta valorizzazione e il giusto stimolo; è quella che coltiva il suo futuro tra tutte le nuove generazioni, e non solo tra quelle che godono di maggiori opportunità.

Il patto che ci lega

E il patto che ci lega è questo: che ciascuno abbia quel che vale in ragione delle sue capacità e abnegazione, ma che a tutti sia garantita protezione dalla forza soverchiante, fisica o economica, psicologica o morale. Che l’ingiustizia sia sanata, la frode punita e la condivisione e la crescita comune accudite e premiate. 

Che chi è bravo avanzi nella scala sociale indipendentemente dal suo ceto e provenienza, e chi no arretri.

Laddove le regole del vivere comune non vengono fatte rispettare, si minano le fondamenta che consentono a tutti di stare insieme in armonia e si annaffia la malapianta del risentimento. 

E nella terra dove vince la legge del più forte, i deboli sono destinati a soccombere.

Vincere la paura con la speranza

Il Partito Democratico deve tornare a credere in una società articolata ma coesa, fresca e ricca di entusiasmo e fiducia nel futuro. L’unità e la condivisione sono le forze con cui si riapproprierà del proprio destino
Abbiamo di fronte una nuova missione civile che, facendo leva sulle energie e le risorse profonde del popolo e sul suo patrimonio di valori, rimetta in moto lo sviluppo delle forze produttive di questo paese: il lavoro, l’impresa, l’intelligenza, la creatività, la cultura. 
Se vinceremo la paura con la speranza, avremo ancora un futuro. Come paese, prima ancora che come centrosinistra.

La nostra ripartenza avviene da qui. Dalla consapevolezza del fatto che il sistema di organizzazione economica e sociale costituito dal capitalismo finanziario globalizzato abbia ormai già raggiunto e superato il suo massimo fulgore, e stia iniziando la sua lenta ma inesorabile parabola discendente. 

Come gli antichi imperi, non crollerà all’improvviso, ma degenererà fino a quando non sarà trovato un sistema alternativo pronto a sostituirlo.

Garantire una maggiore tollerabilità economica e ambientale per tutti

Nel frattempo, non possiamo che ristabilire le linee prioritarie a cui esso deve essere riassoggettato, al fine di garantirne una maggiore tollerabilità economica e ambientale per il maggior numero possibile di esseri umani, e non solo per una ristretta cerchia di ottimati che posseggano da soli la metà delle ricchezze dell’intero pianeta.

Il buon funzionamento di un sistema consumistico prevede che i beni prodotti vengano acquistati dal maggior numero possibile di consumatori. 

Ci deve sempre essere, quindi, un congruo numero di persone dotato della capacità di spesa necessaria ad acquisire nuovi beni o sostituire quelli obsoleti, consentendo alle imprese i profitti necessari al mantenimento o all’incremento dei volumi di produzione, del numero degli occupati, degli investimenti nella ricerca, e alla normale remunerazione del capitale investito.

In questa logica, il verificarsi di sempre maggiori concentrazioni di ricchezze in poche mani, nonché la maggiore attenzione ai redditi da capitale rispetto ai redditi da lavoro, vanno in direzione opposta rispetto allo scopo. 

Ridare maggiori capacità di spesa ai ceti medi

La gravissima crisi congiunturale degli ultimi dieci anni dovrebbe averci insegnato che non potremo uscirne che tutti insieme; e che per ridare vitalità alla domanda interna e continentale di beni è necessario rifornire i ceti medi e medio bassi di adeguate capacità di spesa, in quanto dotati di una propensione al consumo più alta dei ceti benestanti e dei ricchissimi. 

Avere adeguate capacità di spesa non significa solo avere più denaro a disposizione, ma anche una ragionevole sicurezza di potervi contare a lungo nel tempo. 

Se il costo del lavoro è ormai soggetto alle rigidità imposte dalla globalizzazione, le uniche altre leve sui cui si può agire per favorire l’aumento delle disponibilità economiche verso i ceti medi sono la politica fiscale e una legislazione che favorisca i redditi da lavoro.

Se da una parte lo Stato dovrà impegnarsi seriamente a ridurre il peso delle tasse attraverso una sostanziale riduzione della spesa corrente e del debito pubblico, dall’altra si dovrà reimpostare un sistema fiscale che, manovrando sulla progressività delle aliquote, sui sistemi di detrazione, sulla tracciabilità dei pagamenti e sulle agevolazioni per fasce di reddito, produca una drastica inversione delle tendenze distributive, l’eliminazione sostanziale dell’evasione, una maggiore liquidità a disposizione dei molti che hanno più bisogno di spendere e maggiori risorse economiche da destinare ad investimenti strutturali capaci di stimolare la domanda interna e la ripresa complessiva.

Eliminare l'evasione col conflitto di interessi tra cliente e fornitore

La nostra evasione fiscale rende ormai intollerabili cifre di recupero ridicole, pur se crescenti rispetto al passato. Non sono accettabili 15-20 miliardi di recupero su 130 miliardi di evasione. 

Se lo Stato non ha le forze per effettuare tutti i controlli, che le sue forze siano il popolo. Nell’era digitale, è assurdo non rendere conveniente al cittadino pagare elettronicamente e detrarre.

Consentendo un piccolo sconto all’acquirente, l’IVA pagata potrebbe essere girata direttamente all’erario anziché al fornitore tagliando alla radice il problema del recupero, e l’imponibile della fattura potrebbe essere messo in detrazione, magari con percentuali diverse a seconda delle fasce di reddito e di tipologia di fornitura. 

Se col gioco degli sconti e detrazioni si recuperasse anche solo il 70% del totale evaso, sarebbero comunque 91 miliardi di euro utili a ridurre il debito pubblico e a un’adeguata politica di investimenti infrastrutturali. 

E si farebbe una gigantesca operazione di redistribuzione dei redditi e di equità fiscale, oltre che di forte sostegno alla domanda interna. Mentre la Finanza potrebbe dedicarsi all’emersione del nero. 

Parallelamente si dovrà orientare la legislazione sul lavoro in modo da produrre comportamenti virtuosi negli attori economici, favorendo e incentivando soluzioni che tutelino il lavoro stabile e maggiore occupazione, e che creino nuove forme di welfare di prossimità, dando spazio a nuovi lavori in sostituzione di quelli che vengono meno e diventano obsoleti. 

Prendersi cura, per spegnere l'incendio

C’è un incendio che divampa in Europa. Alimentato da un forte vento di rabbia e rancore. L’unica acqua che potrà spegnerlo sarà prendersi cura delle persone. 

Prendersi cura è l’unica forma per ricreare una comunità di luoghi e di prossimità, alternative alla comunità dell’odio e del rancore. Invece di lasciare manipolare le persone da chi soffia sul fuoco della paura e della rabbia, dobbiamo tornare a parlare loro con dolcezza e senza spocchia. 

Guardandosi negli occhi, prendendo per mano chi è vinto dalla paura per accompagnarlo nella direzione della speranza.

______________________________________
Giorgio Alessandrini, Ottobre 2018


Visualizzazioni: 4553
Inserisci un commento
Commento
Nickname
Voto
Nessuno 1 2 3 4 5
Codice di controllo
Digita il codice di controllo
Digita il codice di controllo


Voto
5
Pagine correlate
  • “Ceti medi di tutto il mondo, unitevi!”
    Commento al Rapporto Oxfam 2023 sulla distribuzione della ricchezza
    Nel 1987 Margaret Thatcher affermò che «non esiste la società. Esistono gli individui, uomini e donne, e le famiglie». Una delle più grandi farneticazioni del ventesimo secolo. Che rispecchiava però la tendenza da parte del capitale, negli anni 80,
    Pubblicata il:02/02/2024
    Commenti
    0
  • 2010: il mio appello a Bersani
    Sulla roccia non esiste spazio per barare, o trucchi per sembrare quello che non sei
    I democratici hanno la splendida opportunità di chiamare a raccolta gli italiani per ricostruire la nazione proponendo un progetto nuovo, attraverso scelte nette e non equivoche, in cui le parole lavoro, responsabilità, sicurezza, riforme ...
    Pubblicata il:29/01/2012
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Bonaccini contro liste bloccate
    Mi fa piacere che Stefano Bonaccini si sia espresso così chiaramente a favore della eliminazione delle liste bloccate. È in ritardo di 10 anni, ma meglio tardi che mai.
    Pubblicata il:06/02/2022
    Commenti
    0
  • Che noia: ancora fuoriusciti dal PD!
    La prima cosa che il Partito Democratico deve garantire è quella di candidare persone che abbiano la dignità di restare nel partito che li ha fatti eleggere. E se proprio non ce la fanno, di dimettersi a favore del primo dei non eletti.
    Pubblicata il:22/10/2019
    Commenti
    0
  • Chi ce l'ha più lungo
    Questo “misurarsi chi ce l’ha più lungo” contando la gente in piazza è desolante, e mi piacerebbe che il mio partito non ci giocasse
    Pubblicata il:01/10/2018
    Commenti
    0
  • Come perdere elezioni imperdibili
    Come mai, in un paese di 334milioni di abitanti, il partito democratico americano è riuscito a contrapporre un settantasettenne senza particolare carisma al più ridicolo e inadeguato (e ce ne sono stati tanti) presidente della storia degli Stati Un
    Pubblicata il:04/11/2020
    Commenti
    0
  • Confidare in Bersani?
    Non si può dare solo la colpa a Berlusconi
    Se gli attuali notabili non saranno disposti a lavorare per il partito e per il paese anche da posizioni non di prima fila, allora vorrà dire che perseguono solo i propri interessi, e quindi non c'è più bisogno di loro.
    Pubblicata il:09/10/2012
    Commenti
    0
  • Congresso PD 2019
    Riflessioni dopo il Forum per l'Italia - Milano, 27 ottobre 2018
    Il peggior errore che si potrebbe commettere, in questi pochi mesi che ci separano dalle elezioni europee, è quello di fare un congresso “farsa”.
    Pubblicata il:29/10/2018
    Voto
    4
    Commenti
    2
  • Considerazioni sulla sconfitta alle comunali e sulla salute del Partito Democratico
    A qualche mese dall'esito sfavorevole delle elezioni comunali, è il momento di qualche nuova riflessione a mente fredda
    Pubblicata il:04/12/2017
    Voto
    5
    Commenti
    1
  • Conte formalizza al Senato la crisi aperta da Salvini
    Dignità tardiva
    Una giornata che non entrerà nella storia, ma nella farsa. Uno spettacolo desolante, senza nessuno sprazzo di senso dello Stato.
    Pubblicata il:20/08/2019
    Commenti
    0
  • Cosa cambierà dopo l'invasione dell'Ucraina
    Per non cadere nel baratro di nuove guerre, non mi sembra che ci siano altre alternative che correre più veloce. Più cultura, più saperi, più abilità, più tecnologia. Più futuro.
    Pubblicata il:06/03/2022
    Commenti
    0
  • Creare comunità
    Lo spettacolo che continuiamo ad inscenare ha stancato
    Creare comunità. È questo che deve fare un partito. Creare una comunità in cui le persone si riconoscano. Condividano valori ed obiettivi. Si sentano a casa. Si sentano tra simili. Il Partito Democratico è ancora capace di offrire una casa al suo e
    Pubblicata il:20/06/2016
    Voto
    5
    Commenti
    1
  • Dal discorso del Lingotto
    Le ragioni istitutive del Partito Democratico
    Lo riscrivo, perché sembra che ci sia bisogno di ripeterlo. Per quanto possa sembrare ingenuo, io attribuisco valore a queste parole, usate alla nascita del PD. Non credo a molte delle persone che nel PD ...
    Pubblicata il:15/02/2017
    Commenti
    0
  • Economia in parole povere
    In conseguenza delle dichiarazioni e delle scelte di questo governo, la fiducia della finanza mondiale sulla salute economica dell’Italia cala, e gli investitori scelgono mete più sicure.
    Pubblicata il:25/10/2018
    Commenti
    0
  • Elezioni Europee 2019
    L’Europa per me è stata anche questo: in vacanza a Berlino, sono crollato per strada. Ambulanza. Operazioni. Emorragia. Crisi cardiaca. Stent. Quindici giorni alla Clinica Charite. Uscito con le mie gambe. Costo: zero euro. A me essere in Europa pi
    Pubblicata il:22/05/2019
    Commenti
    0
  • Elezioni Federali in Germania dal 1930 al 1933
    Quando un popolo perde la speranza si nutre di rabbia, credendola ragione.
    Pubblicata il:15/03/2018
    Commenti
    0
  • Esperienze
    Dedicato alle persone che ci hanno fatto crescere
    Questa notte ritardo al mio appuntamento con le ore del silenzio. Un silenzio che simula quiete ed invece è tuono, e pioggia scrosciante, e vento, e tempesta...
    Pubblicata il:17/11/2015
    Voto
    5
    Commenti
    2
  • Evasione Fiscale in Italia
    PD, dove sei?
    L’evasione fiscale italiana rende ormai intollerabili cifre di recupero ridicole. Lo Stato deve creare l’interesse a certificare l’acquisto. Nell’era digitale, il cittadino deve poter detrarre ciò che acquista pagando elettronicamente.
    Pubblicata il:16/04/2019
    Commenti
    0
  • Forum per l'Italia
    Partito Democratico, Milano 27-28 ottobre 2018
    Oggi è sembrato un partito vero. Come sempre quando non è una passerella di galletti. Grande il Presidente Sanchez.
    Pubblicata il:27/10/2018
    Commenti
    0
  • Forza segretario, possiamo fare meglio!
    Letta e le nuove proposte elettorali
    Anche se ormai dispero di essere ascoltato, come militante considero questo tipo di comunicazione un errore politico ed economico.
    Pubblicata il:14/08/2022
    Commenti
    0
  • Globalizzazione e concentrazione delle ricchezze: due facce della stessa medaglia
    Il nuovo rapporto Oxfam sulle disuguaglianze nel mondo
    Otto persone posseggono da sole la stessa quantità di ricchezza della metà più povera dell’intera umanità...
    Pubblicata il:20/01/2017
    Voto
    4
    Commenti
    0
  • Il nuovo feudalesimo
    Mail alla Segretaria del Partito Democratico
    Quindi, Elly, che Italia ed Europa vogliamo? Che ce ne facciamo di una società in cui la ricchezza prodotta non viene equamente ripartita? È questa la intollerabile realtà che difendiamo?
    Pubblicata il:24/08/2023
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Il Partito Democratico e le sfide del nuovo governo
    La nuova coalizione di governo tra M5S e PD nata dopo il clamoroso errore tattico di Salvini potrebbe non avere vita facile, ma potrebbe anche rivelarsi un’opportunità. Molto dipenderà dall’intelligenza e dalla capacità di visione dei loro leaders.
    Pubblicata il:15/09/2019
    Commenti
    0
  • Il Premier "eletto dal popolo"
    La riforma istituzionale proposta da Meloni
    Il disegno di legge costituzionale per l’introduzione dell’elezione diretta del Presidente del Consiglio dei ministri è un guazzabuglio da cestinare immediatamente
    Pubblicata il:10/11/2023
    Voto
    5
    Commenti
    2
  • Il rigurgito del fascismo si contrasta facendo politica
    Le proposte di legge contro l'apologia di fascismo confermano l'incapacità di comprendere.
    Da militante del Partito Democratico, il mio pensiero sulla legge Fiano inizia con una domanda: questa legge rappresenta un segnale di forza o di debolezza del PD? Sarebbe questa la risposta? La legge Fiano?
    Pubblicata il:13/09/2017
    Voto
    5
    Commenti
    11
  • Incontro con Marco Damilano
    Grazie Paola, per quel dialogo fitto ed intenso, per la capacità di ascolto e le tue risposte. La politica è sana quando è confronto, non il cantilenante soliloquio di posizioni precostituite ed immutabili che si vede in tv. Una conversazione è pol
    Pubblicata il:24/04/2019
    Commenti
    0
  • Incontro con Pier Luigi Bersani - Il  video
    Bersani: 1. “penso ad un’azione dimostrativa forte e clamorosa dei lavoratori dipendenti e pensionati, che chiedano l’abolizione della ritenuta fiscale alla fonte” 2. “Le disuguaglianze si creano con la segmentazione della società. Lo scopo della d
    Pubblicata il:26/04/2024
    Commenti
    0
  • Intervento su crisi PD dopo le elezioni politiche 2013
    Nei momenti di difficoltà diventa più importante il contributo di ognuno di noi.
    Vale la pena ricordarlo: il popolo italiano non teme affatto le difficoltà di un’impresa ardua, ma resta immobile per diffidenza verso chi non sa dare l’esempio.
    Pubblicata il:07/05/2013
    Commenti
    0
  • La beffa per i lavoratori dipendenti e pensionati
    La riforma fiscale del governo Draghi e invece l’equità.
    Il MEF pubblica dati sulle entrate tributarie e sulle dichiarazioni annuali per le diverse categorie di imposta. Con fogli excel e un po’ di pazienza ne ho analizzato gli andamenti degli ultimi 20 anni.
    Pubblicata il:23/12/2021
    Voto
    5
    Commenti
    1
  • La destra ripropone la flat tax. Ancora...
    Senza vergogna Berlusconi propone il 23% e Salvini addirittura il 15%
    Nelle assurde proposte politiche di questa destra esiste in realtà un filo conduttore comune. L’idea che il pianeta non basti per tutti, e solo i più forti abbiamo il diritto di sfruttarlo e depredarlo come meglio possono. Gli altri si fottano.
    Pubblicata il:24/08/2022
    Commenti
    0
  • La mia casa
    La mia casa non è quello che c'è fuori di me
    La mia casa è fatta di poche assi...
    Pubblicata il:22/09/2015
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • La politica dello spauracchio
    Elogio di bandiera rossa
    Mi fa sorridere prendere le difese del canto di “bandiera rossa”. Andavo a lezione all’università di Roma, La Sapienza, quando i rossi portavano l’eskimo e io giravo con il Giornale di Montanelli in mano, tanto per far capire la distanza.
    Pubblicata il:18/09/2019
    Commenti
    0
  • La riforma fiscale è sulla bocca di tutti. Ma quale?
    E il PD cosa sceglie?
    Quando i redditi sono bassi, il loro aumento produce un aumento dei consumi maggiore di quello che si avrebbe aumentando dello stesso importo redditi già alti
    Pubblicata il:13/07/2020
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • La sconfitta del Partito Democratico: un commento sulle elezioni del 4 marzo.
    “Il risentimento popolare verso l’inconcludenza della classe politica, unita agli insopportabili privilegi e alla mancanza di legittimazione popolare dovuta ad una sciagurata legge elettorale che fa scegliere gli eletti al capo, acuiscono il deside
    Pubblicata il:12/03/2018
    Voto
    4
    Commenti
    0
  • La spregevole usanza di cambiare casacca senza dimettersi
    L'autorevolezza si conquista solo con l'esempio, non con le parole.
    Gli eletti che lasciano un partito senza dimettersi da parlamentari temo che non abbiano più nulla di importante da dirmi.
    Pubblicata il:04/11/2015
    Commenti
    0
  • La stupidità impera sui social
    La stupidità impera sui social, e fa la fortuna di chi ci specula politicamente.
    Pubblicata il:16/04/2019
    Commenti
    0
  • Le dimissioni di Zingaretti
    Stanno esplodendo tutte le contraddizioni irrisolte di questo partito. Dalla mancanza di una chiara linea politica alla autoreferenzialità di una classe dirigente che sembra vivere sulla luna. Probabilmente ci faremo molto male..
    Pubblicata il:04/03/2021
    Commenti
    0
  • Lettera aperta al segretario Zingaretti
    Lettera aperta al Segretario del Partito Democratico Buongiorno Segretario, mi chiamo Giorgio Alessandrini e sono un iscritto di Piacenza, città in via di ripartenza dopo essere stata duramente provata dall’esplosione del contagio. Le scrivo perch...
    Pubblicata il:08/06/2020
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Liste bloccate
    Non è tempo di garantire un seggio ai notabili di partito
    Temo che ci sia un'altra cosa più perdente di garantire ancora una poltrona a rosi bindi, ed è quella di giustificarsene con l'argomentazione che negli altri partiti si fa ben di peggio.
    Pubblicata il:19/12/2012
    Commenti
    0
  • Liste bloccate e autorevolezza
    Le liste elettorali bloccate tolgono ogni autorevolezza ai leader e al partito
    Perché mai dovremmo infatti ascoltare uno che si autodefinisce leader...
    Pubblicata il:03/08/2012
    Commenti
    0
  • Litigare sul nulla?
    Ancora una sconfitta alle comunali
    Avrei preferito stare zitto. Tanto questo partito non sta ad ascoltare. Ma visto che dopo l’ultima sconfitta riparte l’immancabile farsa di nascondere lotte tra persone dietro fragili e improbabili diatribe sui contenuti, dirò il mio modesto parere
    Pubblicata il:30/05/2023
    Commenti
    0
  • Mattia Santori con le Sardine a Piacenza
    Questi ragazzi manifestano contro un modo di fare, e soprattutto di intendere, la politica. Un modo tanto urlato e sguaiato quanto inconcludente e dannoso. C’è qualcosa di male in questo? Non mi sembra. Anzi, il fatto che le piazze si riempiano ci
    Pubblicata il:28/11/2019
    Commenti
    0
  • Maurizio Martina a Piacenza
    #MaurizioMartina a Piacenza, con gli ospiti dei sindacati a ragionare sul futuro, sul lavoro, sulle difficoltà delle società moderne nella globalizzazione e nel mondo interconnesso.
    Pubblicata il:11/02/2019
    Commenti
    0
  • Meglio concentrarci su di noi
    Sicuramente sono io che di politica capisco poco, ma continuare a sottolineare l’incoerenza dei grillini con le posizioni del passato mi sembra una cosa da perdenti, sconfitti e rosiconi.
    Pubblicata il:26/03/2018
    Commenti
    0
  • Non ci sono alternative al Partito Democratico
    Il progetto di unificare tutte le forze democratiche e progressiste è sempre valido.
    In questi ultimi due mesi, se ancora ne avevamo dubbi, abbiamo definitivamente compreso che questo progetto è troppo ambizioso e coraggioso per leader sfibrati da decenni di politiche inconcludenti...
    Pubblicata il:21/04/2013
    Commenti
    0
  • Non è maschilismo, Signora De Biase
    Alcuni sono più uguali degli altri
    Come nella Fattoria degli animali di Orwell, il sistema delle candidature al Parlamento rende alcuni cittadini più uguali degli altri.
    Pubblicata il:11/08/2022
    Voto
    5
    Commenti
    2
  • Non vado, o vado e faccio casino?
    Mi si nota di più se vado..
    Paradossalmente, l’amica Katia ha fatto bene a fare quell’intervento in assemblea. Non tanto per il contenuto, già noto a tutti e soprattutto al nostro elettorato. Ma perché evidenzia in modo plateale un problema di funzionamento del partito:...
    Pubblicata il:20/11/2018
    Commenti
    0
  • Pandemia e crisi economica
    Nelle situazioni estreme, si possono affrontare nodi irrisolti e prendere decisioni trascinatesi senza costrutto per decenni. Abbiamo l’incredibile occasione di trasformare la tragedia in una nuova ricostruzione.
    Pubblicata il:04/04/2020
    Commenti
    0
  • Partecipazione civile al Partito Democratico
    Guardo il Partito Democratico dal suo interno, per ora senza essere ancora iscritto.
    Nella desolazione dei populismi dei movimenti a conduzione personalistica, il PD è l'unico in grado di riconiugare una politica economica non liberista ma sicuramente liberale, con le esigenze di equità e redistribuzione della ricchezza nel paese..
    Pubblicata il:16/11/2012
    Commenti
    0
  • Partito Democratico: un pensiero nuovo per questo Paese
    Un popolo che perde la speranza si nutre di rabbia, credendola ragione.
    Il ceto medio, che si è espanso nella seconda metà del secolo dando linfa alla democrazia del confronto, nel mondo globalizzato si va impoverendo. Le sue opportunità, le sue speranze e le sue conquiste sociali si vanno sempre più assottigliando..
    Pubblicata il:08/10/2016
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • PD: La farsa di un non-congresso
    Può una classe politica di centrosinistra in parlamento da più di vent'anni, molti dei quali al governo, indicarci oggi soluzioni come se non fosse essa stessa la responsabile dell'inazione e degli errori commessi? Con quale credibilità?
    Pubblicata il:02/12/2022
    Commenti
    0
  • Persone che ci fanno sentire la vita
    A volte incontriamo persone in cui ritroviamo la parte più viva di noi stessi...
    Pubblicata il:19/12/2016
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Recovery Fund e strategie di ripresa
    L’orizzonte, però, bisogna sceglierlo. E il dibattito politico dovrebbe vertere su questo. I confronti pubblici dovrebbero essere orientati ad una condivisione della meta..
    Pubblicata il:01/06/2020
    Commenti
    0
  • Renzi come John?
    Il problema di tornare ad essere uno qualsiasi.
    Io Renzi un po’ lo capisco. A quarant’anni era arrivato alla presidenza del consiglio, come John Kennedy arrivò alla Casa Bianca. John era il suo modello e ora non si capacita, poverino. Gli tocca ascoltare Conte, e quell’imbecille di Di Maio, e po
    Pubblicata il:03/11/2019
    Voto
    5
    Commenti
    1
  • Rientrando a casa
    Giornate così, come quella che stava terminando, lo facevano sentire vivo. Piene di ritmo e di cambiamenti, di cose diverse da fare e persone diverse con cui parlare. Si sentiva libero dalle noiose routine e dai tempi morti della vita in ufficio.
    Pubblicata il:10/04/2017
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Riflessioni sui congressi del Partito Democratico
    Agli Italiani non servono facili promesse, serve un difficile futuro da inseguire
    Resistere oggi significa conservare, mostrarsi incapaci di idee nuove. Idee che profumino di verità. Che sappiano emozionare. Che sappiano volare come aquile verso le cime più ardite, e non volteggiare come mosche sopra la melma e i rifiuti.
    Pubblicata il:07/08/2013
    Commenti
    0
  • Scalare la vita
    Le persone che frequento...
    Pubblicata il:19/03/2013
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Seduzione
    Sentirsi catturati, e catturare.
    Da ragazzo divorava l'amore....
    Pubblicata il:10/12/2015
    Voto
    5
    Commenti
    1
  • Spostano la residenza ad amatrice per rubare i contributi.
    C'è da aspettarsi che chi ha spostato la residenza ad Amatrice per rubarsi i contributi sia tra quelli in prima fila a dare del ladro ai politici.
    Pubblicata il:26/09/2017
    Voto
    5
    Commenti
    1
  • Suggerimenti per Enrico Letta
    Buongiorno Segretario, I circoli del PD raccolgono con entusiasmo e passione la sfida di una importante opera di rinnovamento del Partito Democratico, finalmente riconosciuta apertamente nella sua relazione
    Pubblicata il:20/03/2021
    Commenti
    0
  • Un nuovo percorso di riflessione per il Partito Democratico.
    Se possiamo trarre un insegnamento da questa sconfitta, a me sembra questo: non risulta efficace un’asettica politica delle cose concrete da fare, se esse non volgono tutte verso una strada definita e tracciata da percorrere con un popolo.
    Pubblicata il:20/04/2018
    Voto
    5
    Commenti
    0
  • Un popolo che perde la speranza
    Quando un popolo perde la speranza, si nutre di rabbia credendola ragione.
    Pubblicata il:02/05/2014
    Commenti
    0
  • Virus letale
    Ci ha colto impreparati
    Una prima cosa credo si possa dirla: eravamo del tutto impreparati. Non solo noi italiani. Tutti. A noi è toccata solo la sventura di essere i primi investiti dall’onda; e quindi gli altri, se ci osservano, hanno la possibilità di correggere il ti...
    Pubblicata il:20/03/2020
    Voto
    4
    Commenti
    0

Giorgio Alessandrini

Analista dati delle politiche per il lavoro per la Regione Emilia-Romagna. Ex funzionario amministrativo di INA-Assitalia, poi Generali. Appassionato delle vette e del mare; di emozioni; della vita. E di politica come strumento di risoluzione dei problemi reali.

© Giorgio Alessandrini 2017
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
- A +